La Democrazia, L’Europa e l’autoguarigione

In un periodo, non solo in Italia a dire il vero, in cui i dubbi sull’utilità degli Stati Uniti d’Europa trascolorano talvolta (o addirittura, se preferite) in certezze di perniciosità dell’Euro, vorrei inaugurare il numero 0 di Ugo-Link con http://www.altierospinelli.org/manifesto/it/manifesto1943it_it.html. Altiero Spinelli scrive, assieme ad Ernesto Rossi, il Manifesto di Ventotene nel 1941, durante il confino sull’omonima isola dell’arcipelago pontino.

Ciò che colpisce di quest’opera filosofico-sociale, prima ancora che politica, è la capacità non solo di leggere il presente in modo analitico, ma anche di anticipare il futuro con spirito antidogmatico. Lo Stato Federale Europeo viene ivi tracciato come l’unica cura alla possibile recrudescenza del totalitarismo, anzi meglio, a tutti i totalitarismi di vario ordine e natura. Il superamento degli stati nazionali (prima sintesi kantiana dei particolarismi e dei localismi) deve passare da una più ampia e multilaterale amministrazione del potere politico, economico e militare.

A distanza di un settantennio dal Manifesto di Ventotene e in occasione del ventisettesimo anniversario della morte di Spinelli, mi piace ricordare questo Italiano, ed insieme Europeo,  con una riflessione contenuta nella sua prefazione a “Hitler, la presse et la naissance d’une dictature” di Alfred Grosser, del 1959.

La malattia che porta al totalitarismo non è mai di quelle malattie che si chiamano incurabili, contro le quali l’organismo colpito non può nulla. È una malattia di cui muore l’organismo che vuole veramente morire, e che rinunzia perciò a difendersi. In una società nella quale istituzioni, classi sociali, forze politiche sono magari in lotta fra di loro e riescono a spostare alla lunga i propri equilibri, ma a breve termine sono realmente consolidate, consapevoli ciascuna delle proprie possibilità effettive e dei propri limiti, un partito totalitario ha possibilità poche o nulle di espandersi, e resta una setta insignificante.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS