HomeTurismoLa stampa inglese e Usa racconta l’Emilia Romagna

La stampa inglese e Usa racconta l’Emilia Romagna

Quattro giornalisti inglesi alla scoperta dell’Emilia Romagna e, in particolare, di alcuni dei luoghi più caratteristici legati alla tradizione artistica, musicale ed enogastronomica del territorio. Da domenica 14 fino a mercoledì 17 ottobre, i reporter d’oltre Manica d’importanti quotidiani, di riviste a grande diffusione e online, descriveranno ai loro lettori le attrattive e le peculiarità di luoghi entrati nella storia dell’arte e della musica italiana e che ancora oggi rappresentano al meglio la tipicità e l’unicità del made in Emilia Romagna.

I giornalisti, che arriveranno domenica 14 all’aeroporto di Bologna per poi trasferirsi direttamente a Reggio Emilia, sono Steve Myall del Daily Mirror (importante quotidiano che vanta una diffusione di 1.155.000 copie), Trevor Claringbold di Pro Traveller Magazine (bimestrale di cultura e lifestyle), Jessica  Baldwin di West London Living (magazine di lifestyle che tratta di eventi, vacanze ed enogastronomia) e di David Clarke di Time Out (mensile online che può contare su oltre 4 milioni di utenti).

Dai “segreti” della cucina al genio di Verdi

Domenica, dopo il loro arrivo a Reggio Emilia, i giornalisti inglesi visiteranno il centro storico per poi spostarsi sulle colline circostanti che hanno visto nascere il mito di Matilde di Canossa: qui la tipica ospitalità emiliana si coniuga con arte e storia, proponendo al visitatore castelli, palazzi, pievi e borghi medievali in un territorio in cui anche la natura ha un ruolo di primo piano. Ed è proprio in uno di questi borghi, a San Bartolomeo, che gli ospiti inglesi potranno partecipare a un breve corso di cucina.

Lunedì 15 sarà Parma la città d’arte protagonista dell’educational: prima con una tappa in  un’azienda di produzione del Parmigiano Reggiano, una delle 35 eccellenze a marchio europeo della gastronomia regionale, poi con la visita del centro storico della città che si può considerare la capitale mondiale della musica d’opera. Nel 2013, tra l’altro, ricorre il Bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, musicista d’inestimabile talento e innovatore del linguaggio musicale. Ai giornalisti inglesi saranno ricordati alcuni degli eventi previsti per questa speciale ricorrenza. Successivamente l’educational si sposterà all’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense, “regno” dello chef stellato Massimo Spigaroli, anche docente di ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana che ha sede nella splendida Reggia di Colorno. Nel pomeriggio è prevista la visita di una cantina in cui è messo a stagionare il Culatello, altro prodotto d’eccellenza del territorio. Quindi trasferimento al Castello di Rocca di San Vitale per la cena nell’ambito di “Chef Stellati in Castello”, titolo della nuova edizione della rassegna enogastronomica “Ricordanze di sapori”, organizzata dall’Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, in collaborazione con l’Associazione Chef to Chef Emiliaromagnacuochi.

Martedì 16 ottobre i giornalisti inglesi si trasferiranno a Piacenza per una visita del centro storico, quindi – dopo il pranzo – andranno al Castello di Agazzano dove si trova un’azienda agricola produttrice di vini e le cui cantine, risalenti al 1200, sono ospitate all’interno di un complesso architettonico unico. Qui gli ospiti inglesi parteciperanno a un divertente intermezzo: dovranno degustare, bendati, alcuni vini tipici della zona e indovinare di che vino si tratta.

Prima della cena l’eductour prevede una visita guidata al Castello di Rivalta, a Gazzola, sul fiume Trebbia. Si tratta di una residenza signorile, circondata da un magnifico parco. Qui i giornalisti inglesi respireranno un po’ di aria di casa, visto che tra gli ospiti abituali il Castello di Rivalta annovera i membri della Famiglia Reale d’Inghilterra.

Mercoledì 17, infine, il trasferimento all’aeroporto Marconi di Bologna per il viaggio di rientro a Londra.

Una giornalista americana alla scoperta della cucina emiliana

Dal 16 al 20 ottobre anche una giornalista americana, Amy Sherman, della rivista turistica e del portale web Frommers, sarà in Emilia per un “viaggio” attraverso i sapori e la tradizione dell’enogastronomia regionale. Bologna, Modena, Parma e Ferrara le città scenario dell’educational organizzato da APT. Martedì 16, nel primo pomeriggio, l’arrivo della giornalista. Il primo step sarà a Bologna, città-base di tutto l’educational, per una full immersion nella cucina locale con una descrizione delle eccellenze gastronomiche conosciute e apprezzate in tutto il mondo. Nella mattinata del giorno successivo la giornalista sarà impegnata in una lezione sulla pasta fatta in casa e sul ragù alla bolognese. Il pomeriggio sarà invece destinato alla conoscenza della parte artistica della città, con partenza da Piazza Maggiore per andare alla scoperta dei gioielli artistici e architettonici di Bologna.

Giovedì 18 trasferimento a Modena per la visita di un’azienda di produzione del Parmigiano Reggiano, quindi, dopo una sosta al Duomo e al Mercato coperto Albinelli, la giornalista americana visiterà la Casa Museo Enzo Ferrari, pranzando nel ristorante interno al Museo. L’eductour proseguirà con la visita di un’acetaia di produzione dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena.

Parma protagonista venerdì 19 con la visita del centro storico e del Teatro Regio. Dopo il pranzo in un locale tipico della città, la giornalista visiterà un’azienda di produzione del Culatello. Sabato 20 trasferimento a Ferrara per la visita di un forno in cui si prepara la famosa Coppia Ferrarese, tipico pane locale, inserito come Igp tra le 35 eccellenze regionali. Dopo il pranzo in un locale tipico, la giornalista americana si sposterà a Comacchio, sul Delta del Po e quindi salirà su una “batana” per visitare un piccolo villaggio di pescatori dove le saranno svelati i segreti sulla lavorazione dell’anguilla e la sua marinatura. Al termine della visita il rientro a Bologna.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.