HomeAttualitàIl Parma Fc è fallito, al via l’esercizio provvisorio

Il Parma Fc è fallito, al via l’esercizio provvisorio

In poco più di mezza giornata il tribunale fallimentare di Parma ha deciso: il Parma Fc è fallito. La società sportiva è in esercizio provvisorio: il giudice Pietro Rogato ha nominato i curatori Angelo Anedda e Alberto Guiotto.
I curatori si occuperanno di gestire la società, visto che è stato concesso anche l’esercizio provvisorio. Nella sentenza si leggono i numeri della crisi economica del Parma: 218 milioni e 446.754,61 euro di debiti complessivi, con un patrimonio netto negativo di 46 milioni e 696.901 euro.

Secondo le informative della Guardia di Finanza il Parma Fc ha inoltre “un ingente debito sportivo stimabile allo stato in euro 74 milioni e 360.912, di cui 63 milioni e 39.920 nei confronti dei calciatori tesserati, salvi ulteriori e più approfonditi accertamenti”. Per questo motivo, conclude il giudice Pietro Rogato, “lo stato di insolvenza appare conclamato ed irreversibile”.
I 74 milioni di debito sportivo dovrebbero essere coperti per acquistare il titolo sportivo per salvare la categoria, lascia pensare che la società crociata sia condannata a ripartire dalla serie D.

Il capitano del Parma Alessandro Lucarelli fa parte del comitato dei creditori del fallimento del Parma insieme alla Colser e ad Iren Mercato Spa. Avrà così un ruolo da interlocutore verso i curatori. Nella sentenza si fa espressamente riferimento anche alla delibera del 6 marzo scorso della Lega Calcio Serie A che “ha rappresentato la propria disponibilità a valutare iniziative che possano consentire al Parma Fc di proseguire il campionato in corso sostenendo, con interventi da concordare con gli organi delle eventuale procedura fallimentare, la fattibilità dell’esercizio provvisorio”.

Ieri intanto la Lega calcio ha stabilito le date dei recuperi delle due partite saltate dal Parma Fc: si tratta dei match contro Udinese e Genoa, in calendario rispettivamente l’8 e il 15 aprile prossimi, alle 18.30.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.