HomeSportCoppa Italia, la Trenkwalder si arrende a Scafati

Coppa Italia, la Trenkwalder si arrende a Scafati

Gianluca Ferrari

Niente da fare per la Trenkwalder di coach Menetti che, nel ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia, cede alla Givova Scafati per 78-73 e vede sfumare l’opportunità di giocarsi la Final Four in programma il 3 e 4 marzo prossimi. L’impresa, a dire il vero, era piuttosto ardua, sia per il pesante passivo che i biancorossi dovevano recuperare dopo la gara del Palabigi (70-85 per i campani) sia perchè il PalaMangano di Scafati è e rimane una sorta di fortino inespugnabile: quest’anno gli uomini di coach Griccioli hanno vinto tutte e 5 le gare di campionato giocate tra le mura di casa ma soprattutto 26 delle ultime 27 partite nelle ultime due stagioni e mezzo.

Menetti decide di lasciare a riposo Slanina e Filloy puntando sulla voglia dei giovani, Viglianisi e Cervi su tutti. Dall’altra parte, Griccioli lascia Ghiacci in panchina, ma non rinuncia al talento dell’ex Marigney. A inizio gara i ritmi appaiono però subito quelli di un’amichevole con la sensazione che il grande vantaggio acquisito all’andata dai padroni di casa condizioni non poco entrambe le formazioni. Il primo quarto è appannaggio di Reggio Emilia che chiude 19-18 ma la partita, però, è bruttina e gli errori si contano a più non posso sia da una parte che dall’altra. Solo nel finale di secondo quarto i biancorossi provano a mettere un po’ di pepe alla gara volando sul +8 con il solito Robinson sugli scudi ma Scafati non si fa sorprendere e chiude la seconda frazione di gioco a distanza di sicurezza (-4). Al ritorno dagli spogliatoi, gli uomini di Griccioli rimettono subito in piedi i giochi con un parziale di 7-0 in avvio di terzo quarto, con la partita che inizia ad essere sempre più vivace e con i primi sprazzi di buon basket ad illuminare lo spento pubblico del PalaMangano.

La Givova gestisce la gara senza problemi e coach Menetti decide di lasciare spazio alle giovani leve fino al fischio finale della partita, che Scafati chiude agevolmente con il punteggio di 78-73. Da segnalare, tra le fila della Trenkwalder, le ottime prove dell’esordiente lituano Silins (giovane classe ’93) e dell’ex Ruini, entrambi autori di 13 punti mentre nelle fila dei padroni di casa a fare la parte del leone è stato Casini, 15 punti e 3 assist serviti ai compagni. Per Reggio Emilia resta una prova tutto sommato buona su un parquet difficilmente espugnabile, anche se la prestazione è sembrata troppo condizionata dal risultato dell’andata. Scafati si aggiunge invece a Brindisi, Verona e Jesi, formazioni che si giocheranno la vittoria finale nella Final Four 2012.

GIVOVA SCAFATI – TRENKWALDER REGGIO EMILIA 78-73 (18-19; 37-41; 56-51)

Givova : Levin 11, Radulovic 6, Casini 15, Gueye 9, Guadagnola 3, Malpede 0, Izzo 0, Thomas 6, Rosignoli 7, Ghiacci ne, Marigney 10, Sorrentino 11

Trenkwalder : Robinson 15, Silins 13, Filloy ne, Cervi 4, Taylor 4, Valenti 9, Chiacig 6, Ruini 13, Viglianisi 7, Pini 0, Germani 2

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.