HomeSportBasketLa Trenkwalder fa sognare, battuta anche Verona

Basket
La Trenkwalder fa sognare, battuta anche Verona

Gianluca Ferrari

Due gare disputate e due vittorie ottenute. Questi sono i numeri della Trenkwalder Reggio Emilia dopo le prime tre giornate del campionato di Legadue (in una ha riposato); i biancorossi di coach Menetti non deludono le aspettative e, di fronte al  proprio pubblico, supera 76-67 la Tezenis Verona. Ottima prova di forza del quintetto reggiano, che rimane lucido nei momenti decisivi della partita e chiude le ostilità con un discreto margine di vantaggio (+9).

La gara si è rivelata, però, non priva di difficoltà con gli ospiti che riescono a rimanere in partita ( giocando punto su punto ) sino ai minuti finali, gestiti poi alla grande dalla compagine di Menetti. Sugli scudi ancora una volta Dawan Robinson, autore di 20 punti con un decisivo 4/6 da 3 punti che ha permesso ai suoi di lanciarsi più volte verso la fuga, purtroppo mai decisiva.  Ottime anche le prove di Slanina e Taylor, autori di 17 punti a testa. La Trenk parte forte disputando un ottimo primo quarto, concluso a suo favore per 18-14 trascinata soprattutto dalle iniziative di Filloy e del solito Robinson. Nella seconda frazione di gioco entrambe le formazioni sembrano quasi smettere di giocare a basket, regalando agli spettatori un bruttissimo secondo quarto, che comunque favorisce gli ospiti tornati sotto sul 31-30 grazie al solito Vukcevic.

Dagli spogliatoi esce una Trenkwalder più decisa e coraggiosa che si porta subito sul 51-40, massimo vantaggio, e con Robinson che si improvvisa tiratore dalla lunga distanza. Verona sembra sbandare, complice anche qualche errore nei tiri liberi, ma riesce ancora una volta a tornare sotto grazie ai  suoi migliori uomini, Vukcevic e Boscagin. Reggio Emilia torna avanti di 8 all’inizio dell’ultimo quarto ma non riesce a scrollarsi di dosso la Tezenis, anzi, si complica un po’ la vita permettendo agli avversari di arrivare di nuovo al -4. Qui il momento più difficile per i biancorossi: tecnico anche alla panchina e palla in mano per Verona.

I ragazzi di Menetti rispondono però da grande squadra, difendendo egregiamente su ogni pallone e ottenendo preziosi tiri dalla lunetta. Robinson fa 1 / 2 mentre Chiacig si dimostra uomo da momenti forti trasformando in entrambe le occasioni. West sbaglia più volte il tiro da fuori e alla Trenk non resta che controllare; bomba di Slanina e tutti a casa. Vittoria dunque di carattere per la Pallacanestro Reggiana che dimostra tutto il potenziale dei propri effettivi e si lancia verso una stagione da protagonista. Prossimo appuntamento di nuovo a Brescia contro la Centrale del Latte, già eliminata nel primo turno di Coppa Italia.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.