HomeReggio SportPareggio deludente

Pareggio deludente

Non arriva la vittoria al termine della sentita sfida che vede la Reggiana affrontare il Mantova. Un risultato che non può soddisfare, perché i granata non sono riusciti ad imporsi in casa contro una squadra dai valori non eccelsi come quella virgiliana.

Il campionato è ancora lungo, sia ben chiaro, ma sono tappe come questa, che potrebbero fare capire se la Reggiana avrà la forza per non mollare l’obiettivo play-off e la sentenza che esce dal match con il Mantova, è sicuramente negativa.

Non sono tanto gli attuali tre punti di svantaggio dal Bassano a preoccupare, quanto l’impegnativo calendario sul finale di campionato. La Reggiana dovrebbe riuscire ad arrivare alle ultime partite stagionali con un vantaggio da poter gestire, per evitare di essere costretta a vincere a tutti i costi contro squadre con un valore ben superiore a quello di Mantova e Giana Erminio.

Tornando alla partita di oggi. Le assenze in difesa e qualche scelta coraggiosa, fanno sì che Alberto Colombo decida di tornare all’antico. Quindi, riecco il vecchio 4-3-3 con un terzetto di attaccanti piccoli e veloci, che relegano Arma in panchina.

La falsa prima punta la fa Letizia, che dopo tre minuti crea la prima palla goal della partita. Dagli sviluppi di un angolo per il Mantova, nasce un contropiede granata aiutato da un buco di Raggio Garibaldi, che manca il colpo di testa e lascia spazio all’ex Matera, il quale cerca il tiro sul secondo palo ed allaga troppo la mira.

Il Mantova però, non è venuto a Reggio Emilia per fare la vittima sacrificale e chi credeva di vedere una squadra allo sbando, viene smentito. I virgiliano giocando un calcio discreto e non disdegnano, sfruttando cinicamente la prima palla goal.

A commettere un errore mortale sul centrocampo è Maltese, che perde un pallone sanguinoso sul pressing di Gonzi, il quale arriva in zona tiro e non ci pensa due volte a sfoderare una splendida conclusione, che si infila sotto la traversa. Bello il goal, ma la complicità dei granata è evidente, così fare un gioco di parole e dire che si è preso un goal da Gonzi, diventa fin troppo facile.

La Reggiana subisce il colpo e sembra sbandare. Ancora Gonzi va vicino alla doppietta, poi Marchi viene anticipato quando stava già pregustando il tiro vincente.

La truppa granata non va Ko e lentamente riprende in mano la gara. Il goal del pareggio nasce da un pallone che Maltese e Bruccini gestiscono bene, uscendo elegantemente dal pressing mantovano, l’odierno capitano della Regia mette un bel pallone filtrante per Siega, il portiere Pane scivola ritardando l’uscita e così il numero undici insacca, confermando che nelle ultime settimane è il granata con il piede più caldo.

Siega è in fiducia e sul finire del tempo per poco non beffa Pane con un tiro secco ma non angolato, la respinta approssimativa del portiere viene raccolta da Letizia, il cui tiro termina a lato.

Nella ripresa, il Mantova torna subito a farsi pericoloso. La difesa della Reggiana è incerta su un pallone che balla al limite dell’area e finisce verso Caridi, a togliere le castagne dal fuoco ai granata ci pensa Frascatore con una scivolata disperata.

La partita è viva e Letizia ci riprova trovando una parata “alla Garella” di Pane, contropiede del Mantova impostato da Samb, che centra, Mignanelli svirgola il pallone ma Caridi manca il colpo vincente a porta spalancata. Colombo vuole vincere e cambia: fuori Bartolomei e dentro Arma con la Reggiana che passa al 4-2-4.

Ancora botta e risposta al diciassettesimo, prima Caridi al volo impegna Perilli, poi Bruccini arma il tiro e mette a lato. Al ventunesimo, Nolè cerca di segnare con una mano e viene ammonito: il numero dieci granata, tornato titolare, torna anche a non convincere.

Altro cambio nella Reggiana con Pazienza che rileva un Letizia che sembrava aver finito la benzina, poi episodio molto sospetto in area con Nolè che chiede a gran voce il rigore. A dieci dal termine, riecco Siega al tiro dalla distanza ma questa volta spara a salve.

Poi la grande occasione per vincere sulla testa di Nolè, che inzucca il traversone di Mignanelli e manda alto un pallone che grida vendetta. Proprio Nolè viene avvicendato da Mogos quando la gara è agli sgoccioli, l’ultima palla nella mischia, viene messa sul fondo da Sabotic di testa. Finisce uno a uno ed il pubblico granata non può fare altro che uscire dallo stadio con l’amaro in bocca.

 

PAGELLE:

 

Perilli 5,5: Non sembra avere colpe sul goal, nella ripresa non si intende con Mignanelli e per poco il Mantova raddoppia.

Rampi 5: Prende il posto di Mogos e ne imita la prestazione. Non convince e non incide sulla fascia.

Sabotic 5,5: A tratti sembra svagato e commette errori non da lui, mentre in altri momenti si disimpegna bene.

Frascatore 6: Salva la Reggiana ad inizio ripresa, soffre un po’ le iniziative di Longo sul finale di gara.

Mignanelli 5.5: Generoso ma non devastante, rischia un pasticcio gigantesco quando liscia il cross di Samb.

Bruccini 6: Bello l’assist per Siega, risulta il più lucido dei tre mediani.

Maltese 4,5: Che errore sul goal del Mantova e non è l’unico errore della sua gara.

Bartolomei 5,5: Non convince, si becca il giallo per un fallo tattico e viene sostituito dopo un ora di gioco.

Nolè 4,5: Combina poco, si prende il giallo per un fallo di mano che irrita l’arbitro, il quale smette di fischiare a suo favore. Divora il goal del due a uno.

Letizia 6: Gioca una discreta partita, con qualche guizzo non trascurabile, forse risulta poco lucido sottoporta.

Siega 6,5: Trova ancora la via della rete inserendosi alla perfezione, è una spina nel fianco costante nella difesa virgiliana.

 

TABELLINO:

 

Reggiana-Mantova 1-1

Reggiana: (4-3-3) Perilli 5.5 – Rampi 5, Sabotic 5.5, Frascatore 6, Mignanelli 5.5 – Bruccini 6, Maltese 4.5, Bartolomei 5.5 (14°s.t. Arma 5.5) – Nolè 4.5 (44°s.t. Mogos s.v.), Letizia 6 (31°s.t. Pazienza 5.5), Siega 6.5. All.: Colombo 5.5. A disposizione: Rossini, Zucchini, Panizzi, Danza, Ceccarelli, Loi.

Mantova: (4-4-2) Pane 5.5 – Longo 6.5, Trainotti 6, Carini 5.5, Scrosta 6 – Gonzi 6.5, Perpetuini 5, Raggio Garibaldi 4.5 (19°s.t. Di Santantonio 5.5), Caridi 6 (31°s.t. Ungaro 5.5) – Samb 6, Marchi 5 (25°s.t. Scalise 6). All.: Javorcic 6. A disposizione: Bonato, Sereni, Gambardella, Beretta, Del Bar, Ruopolo.

Arbitro: Federico Sassoli di Arezzo 5. Guardalinee: Ruben Liberato Angiotti di Lamezia Terme e Fernando Cantafio di Lamezia Terme.

Reti: 17°p.t. Gonzi (M), 28°s.t. Siega (R).

Ammoniti: 6°s.t. Bartolomei (R), 21°s.t. Nolè (R), 43°s.t. Sabotic (R).

Note: serata freddina, buona presenza di tifosi ospiti. Angoli: 2-3. Recupero: 0’pt e 3’st.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.