HomeSconsigli per la visioneFateci scendere dal carro armato di Brad Pitt e dall’aereo di Nicolas Cage

Fateci scendere dal carro armato di Brad Pitt e dall’aereo di Nicolas Cage

FuryFury

Regìa: David Ayer

Top star: Brad Pitt, Shia LaBeouf

Genere: Guerra

USA 2014.

La profezia

Titolo originale: Left Behind

Top star: Nicolas Cage

Genere: thriller

USA 2014

Proprio due bei filmettini, non c’è che dire. Poi si sa, noi spettatori da bar di cinema non capiamo niente, Fury ha spadroneggiato a livello di incassi un po’ ovunque, mentre Nicolas Cage, protagonista de La profezia, secoli fa ha vinto un Oscar. Però non è che se tutti dicono che buttarsi da un balcone è salutare, noi ci buttiamo da un balcone…

Fury, storia del supereroe Brad Pitt e del suo carro armato, ambientato nella seconda Guerra Mondiale, riesce nel non facile intento di far tifare per i tedeschi. Che ci si trovi in zona “americanata” lo annuncia già la frase di lancio che compare sul manifesto: “La guerra crea gli eroi, la storia li trasforma in leggende”. Il tipo che prende fuoco e dopo un nanosecondo si suicida per non soffrire è solo l’antipasto, le sparatorie modello Guerre Stellari (munizioni traccianti colorate) e le battute affidate agli attori fanno il resto: “L’importante è che ci vai pesante, mi hanno ammazzato dei bravi ragazzi”, “Secondo voi Hitler si farebbe fottere per un pezzo di cioccolata?”, “Gli ideali sono pacifici, la storia è violenta”. Senza contare il fantasioso codice d’onore di Pitt (si può ammazzare un prigioniero tedesco ma non fare una gang-bang con una tedesca) o la scena finale, una Caporetto cinematografica. Dai, su, quanto ci vuole per aprire come una scatoletta di tonno quel carro armato inerme? E’ la nostra palpebra che si abbassa o diventa notte all’improvviso? Ma poi, a un certo punto, non buttano dentro due bombe a mano? Possibile nella scena successiva i cadaveri siano intatti?

Campione d’incassi, ripetiamo. Bene così.

La profeziaIntendiamoci, al confronto di La profezia, Fury è un film da tre o quattro Oscar. La gente scompare così, a caso, sull’aereo guidato da Nicolas Cage e pure nel resto del mondo. Sorvoliamo – per rimanere in tema – sulla spiegazione che viene fornita, è un thriller soprannaturale, può starci tutto, anche se qui il materiale andrebbe bene sì e no per una puntata della serie cult “Ai confini della realtà”. Ciò che lascia sgomenti sono le interpretazioni: gli attori non ci credono, si vede benissimo. O sono scarsissimi – le scene in cui dovrebbero trasmettere panico sono sconcertanti – o non ci credono. Prova ne sia che il sempre più simpatico e sempre più preoccupante Nicolas Cage, sembra un insegnante di recitazione. Il mondo è diviso in atei e bigotti, le sfumature non esistono. E Cage, peccatore con slanci d’altruismo, a un certo punto trova una valida motivazione per evitare lo schianto: “Non voglio che queste persone muoiano senza avere la possibilità di rimediare ai loro errori”. Se poi aggiungiamo la scena finale, con la pista d’atterraggio creata e segnalata non vi diciamo come solo perché se siete amanti del trash è giusto che questo film lo guardiate, ce n’è abbastanza per chiedere il rimborso. Non del tagliando di volo, ma del biglietto d’ingresso al cinema.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.