HomeRubricheLa rivoluzione dei diti medi – Cara tangenziale…

La rivoluzione dei diti medi – Cara tangenziale…

Inizia oggi la nuova rubrica settimanale di Eugenio Azzinnari. Si chiama “La rivoluzione dei diti medi”. Una rubrica scorretta, inutile, dissacrante e provocatoria. L’appuntamento è ogni mercoledì.

Sono qui a scriverti perché anche oggi, mentre ti percorrevo a 90Km/h, ho preso una delle tue buche, ho quasi distrutto le sospensioni, ho forato una gomma e ho quasi ucciso il mio proprietario.

Io ti voglio bene, non sai quanto mi sei utile! Sei un’ottima alternativa al traffico cittadino e mi fai risparmiare tanti minuti di fatica. Come le tue cugine tangenziali nelle altre città, sei sempre indispensabile. Ma… che cazzo! Sei sempre in cattivo stato, fuori forma, dovresti avere più cura della tua salute… altrimenti prima o poi qualcuno finisci per ucciderlo davvero!

Sai, mi sorprende che tu non sia capace di sostenere un acquazzone, mi inquieta che tu abbia quelle corsie di immissione così strette e pericolose, mi incuriosisce sapere perché in alcuni tratti sei a posto mentre in altri sei praticamente un Groviera. Capisco che è stato un inverno difficile, c’è stata la neve, c’è stata la nebbia, c’è stato il terremoto e questo è anche un anno bisestile… Ma insomma, ci diamo una mossa? Oggi mi hanno fatto ridere i tuoi medici che sono venuti a rattopare alcuni buchi, spingendo il catrame con i piedi e con le mani. E non mi hanno fatto solo ridere ma anche un po’ incazzare. Perché il catrame sgretolatosi al passaggio delle altre mie amiche automobili si è sollevato scatenando una tempesta di pietruzze volanti. Caspita! Sono tornata a casa tutta sporca e ammaccata. Ho temuto anche che qualche pietruzza mi avesse ferito il parabrezza.

Io non ne posso più di far spendere dei soldi al mio proprietario, quello finisce per dare la colpa a me e finirà per cambiarmi. Ammesso che sopravviva.

In attesa di una tua risposta, sperando di capire chi sono i responsabili a cui indirizzare il dito medio,  ti saluto e ci vediamo domani.

Automobile, Reggio Emilia, marzo 2012. (to be continued….)

Ultimi commenti

  • Bel pezzo Euge!
    Condivido appieno il punto di vista dell’automobile…!

  • Bella Eugenio!!! La tua auto ha reso bene il disagio che molti provano a percorre le vie e tangenziali cittadine…..

  • Se ti riuscisse l’impresa di entrare in centro, avresti PROFONDISSIME sorprese…!