HomeRubricheIl Vangelo apocrifo: gli inganni della religione

Il Vangelo apocrifo: gli inganni della religione

Mario Garretto

I tanti traduttori che si sono avvicendati nei secoli, e che hanno portato a termine la ri-scrittura della Bibbia e dei Vangeli, dai testi antichi scritti in aramaico o in greco, nell’italico stivale, non devono avere avuto un compito facile. Considerando anche il conflitto di interessi che ha sempre gravato su di loro. Oggi dobbiamo sperare che questo insieme di “imprecisioni” o di “adattamenti” vengano finalmente corretti. E si, anche solo a leggere l’Antico Testamento si vede che il primo a non sottostare alle leggi divine, i Dieci Comandamenti, è Dio stesso. Da lui stesso consegnati a Mosè. Il Dio degli Eserciti. Una svista in questa contraddizione? Scrive bene Giovanni: la Legge è stata data da Mosè. Per avere una visione abbastanza chiara di ciò che dico è sufficente leggere, senza pregiudizi ma con comparazione, negli scritti di alcune delle confessioni religiose che vanno per la maggiore in Italia.

Le religioni sono un business enorme, un pozzo senza fondo dove mestatori senza scrupoli (predicatori) sguazzano a danno del prossimo. Aveva ragione a non finire Cristo quando disse: guai a voi…. che rubate le case alle vedove…, ma purtroppo il furto si perpetua in ogni latitudine e sotto ogni sole del pianeta.

Non siamo ancora guariti da questo male, o se volete non ci siamo ancora evoluti al rango di “Homo Sapiens”, perché non basta avere il cervello o la capacità di parlare per essere “persone”. Siamo solo animali che parlano. I nostri comportamenti, in generale, dimostrano questo. Le religioni si sono poste alla guida dei popoli per elevare l’umanità ma hanno miseramente fallito nel loro compito perché questo non è il loro vero obiettivo. Il motivo è abbastanza semplice: per l’eterno conflitto di interessi. Punto. Conflitto quanto mai spaventoso. Le religioni si sono vendute o trasformate in politica. Assieme si sono vendute all’economia. Altro che fede in Dio. E poi di quale Dio parliamo? Scommetto che, “loro”, hanno un telefono bianco per parlare con Lui.

E’ venuto Giovanni Battista: ucciso. È venuto Gesù: ucciso. È venuto Stefano: ucciso. E’ venuto Mussolini: tutti a venerarlo e seguirlo, nolenti o dolenti (milioni di morti). E’ venuto Hitler: tutti li a venerarlo, seguirlo (milioni di morti in guerra, senza aggettivi, tanta è l’indignazione: milioni di morti nelle deportazioni). E’ venuto Gandhi: ucciso. Martin Luther King: ucciso. Continuate voi se ne avete voglia. Non ho volutamente toccato altro come la guerra del Vietnam, le tante colonizzazioni come quella in Australia a danno degli aborigeni. Non è mia intenzione fare un trattato politico, ma non sono ne cieco e ne sordo. Servono altre prove?

Marco 1-21,27

In quel tempo Gesù fece ritorno a Cafarnao e, entrato di sabato nella sinagoga, si mise ad insegnare. Tutti i presenti erano stupiti del suo insegnamento, perché insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi. Un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare: “Che c’entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio E Gesù lo sgridò: “Taci! Esci da quell’uomo”. E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: “Che è mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorità. Comanda persino agli spiriti immondi e gli obbediscono! La sua fama si diffuse subito dovunque nei dintorni della Galilea.

Commento. Un invito che ho fatto, e che continuo a fare a tutti i lettori di testi religiosi, è quello di cercare traduzioni e pubblicazioni di editori capaci di mantenere le giuste proporzioni fra interesse di parte e verità. Chi cerca trova, se vuole. Spesso queste verità sono riportate nelle note, scritte in piccolo, confuse fra altre. Perché di tutto quanto scritto nella prefazione?

Una domanda per iniziare. Perché nei Vangeli ci sono così tanti indemoniati? Nella mia, ormai lunga vita, non ne ho mai incontrati. Sono forse cieco o non meritevole? Sarà un caso o una fortuna? E voi? Quanti, ne avete incontrati? Ricordate che la caccia alla streghe e agli eretici è finita da molto tempo. Ma in politica continua. E come se continua. Leggete qualcosa sulle nuove leggi in Ungheria e ve ne accorgerete. Ma poi non serve andare così lontano, guardiamo in casa nostra.

Oggi le possessioni demoniache si chiamano malattie: epilessia, esaurimento, depressione e altro. La definizione di indemoniato è: posseduto dal demonio. Ma davvero qualcuno ci crede ancora? Il testo evangelico riporta la seguente frase: spirito immondo. Nella Bibbia di Gerusalemme, edito dalla EDB di Bologna, pag. 2158 in fondo a destra, così viene scritto: spirito immondo, così il giudaismo (cf. Zc. 13,2) chiamava i demoni, estranei, anzi ostili alla purità religiosa e morale che esige il servizio di Dio.

Serve anche qui la traduzione: la religione detta queste regole, chi la pensa diversamente viene considerato un indemoniato (o un eretico meritevole di condanna a morte). Al che mi viene di pensare che i posseduti dal demonio non trovassero di meglio che fare i pazzi per non essere uccisi. Oppure erano semplicemente degli infelici tarati da insufficienti relazioni dei lobi parietali o con delle connessioni neurali occluse o non formatesi, o dei down. Traduco anche questo: dei malati mentali, degli epilettici.

Appare evidente che Gesù andava ad insegnare nelle Sinagoghe ma non vi pregava. Il Dio adorato nelle Sinagoghe è il Dio d’Israele, non è il Dio di tutti, di Gesù. Questo è il male di tutte le religioni. In tutte le religioni esistenti il profeta deve essere anche un patriota, altrimenti non sarà mai ben accetto in patria. Ma chi era Gesù? Indubbiamente un essere straordinario. Dotato di qualcosa che nessun altro essere umano apparso sulla terra ha mai dimostrato di avere anche solo in minima parte. L’unica cosa logica da dire su di Lui, cercando di capire il significato della frase: Una dottrina nuova insegnata con autorità, è il continuo rimarcare le differenze fra i dettati religiosi e la sua predicazione. Una nuova dottrina. L’essere umano nasce libero e risponde del suo operato morale direttamente a Dio e non alle religioni. Date a Cesare…[.]. Spaventosa questa sottrazione di potere e di interessi economici per le gerarchie ecclesiastiche in ogni tempo e in ogni luogo del pianeta. Parla con autorità. Le verità spirituali arrivano prima all’anima che al cervello. Scuotono la coscienza e risvegliano lo spirito dell’uomo. Poi, purtroppo, quando arrivano al cervello si corrompono. E si. Entrano in scena la personalità, l’interesse, la morale, i desideri, la …coscienza…(forse). E cosa ne esce? Lo abbiamo visto nella storia. Lo vediamo anche nella nostra vita. Lo leggiamo nei libri. Forse.

Personalmente credo in Dio. Personalmente sono convinto che noi (umanità) siamo all’interno di una creazione volontaria. Personalmente credo che la nostra vita abbia un fine. Quale? Sviluppare la nostra intelligenza per diventare simili a Dio. Chi o cosa è Dio? Non lo so! Per ora sono fermo a Platone. L’unica cosa certa che ho nel mio sentire spirituale è quella che Cristo mi dice cose vere che meritano di essere approfondite.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.