HomeRubricheCronache dal razionale“Destossi la Badessa”. Il prof. Fieschi e i dubbi amorosi (licenziosi) di Pietro Aretino

“Destossi la Badessa”. Il prof. Fieschi e i dubbi amorosi (licenziosi) di Pietro Aretino

Non bisogna occuparsi solo di questioni gravi e importanti, no? Possiamo permetterci anche evasioni leggere, un po’ trasgressive e perfino licenziose. Ci provo.

pietro aretinoIl 4 novembre ho festeggiato il compleanno di mio figlio Lorenzo: cinquant’anni! Come l’alluvione di Firenze. Quella notte anche il torrente Parma stava per straripare; era cresciuto di sei-otto metri, aveva quasi chiuso la luce dei ponti, uno dei ponti era stato temporaneamente chiuso e ho temuto di non riuscire a portare mia moglie all’ospedale. Andò tutto bene.

Dopo alcuni giorni ricevetti da un mio amico un piccolo regalo per il mio nuovo figlio… un libretto di poesie dell’Aretino: I dubbi amorosi. Era accompagnato da un commento di questo tipo: “Ora non sa ancora leggere, ma tra una dozzina d’anni o poco più potrà fargli piacere ed essergli utile, perché tocca argomenti che la Scuola e la Famiglia normalmente, e colpevolmente, ignorano”. Parole sante. Negli anni il libretto ha divertito amici miei e i miei figli.
La struttura delle poesie è in due parti: nella prima viene esposto in modo conciso ma chiaro il dubbio; nella seconda una persona autorevole, probabilmente un teologo, emette la sentenza che scioglie il dubbio. Riporto uno dei “DUBBI” che più mi ha divertito:

DUBBIO V.

Destossi l’abadessa con gran furia
Sognando di mangiar latte e gioncate
Trovossi in bocca il cazzo dell’abbate.
Fù peccato di gola o di lussuria?

RISOLUZIONE V.

Non fù gola o lussuria è risoluto
Perché questo fù caso accidentario
Ben se l’avesse avuto in tafanario
O in potta, dubitar s’avria potuto.

La gioncata (o giuncata) è un formaggio fresco molle di latte ovocaprino o vaccino; ha una forma cilindrica o fusiforme che ha origine dalla fascera di giunco in cui viene inserita la cagliata; non viene salato. In Liguria viene steso e fatto colare su un supporto traforato (un tempo era di giunco, da qui il nome), facendogli assumere una forma piatta e poco spessa.

Pietro Aretino (Arezzo,1492 – Venezia, 1556), frutto di una relazione fra un povero calzolaio di nome Luca Del Buta e di una cortigiana, Margherita dei Bonci detta Tita è stato un poeta, scrittore e drammaturgo italiano, tanto amato quanto discusso, se non odiato. Commentatore mordace di uomini e di eventi, si fece molti nemici. Fu autore di rime, di commedie (tra cui La Cortigiana, 1525), di sei libri di Lettere (1537-57) e dei celebri dialoghi tra prostitute (Ragionamenti, 1534-36), lavori questi, come tutti gli altri, contraddistinti da un tipico antipedantismo letterario. Scrisse di sé, nelle Lettere:
Mi dicono ch’io sia figlio di cortigiana; ciò non mi torna male; ma tuttavia ho l’anima di un re. Io vivo libero, mi diverto, e perciò posso chiamarmi felice.

I suoi Sonetti lussuriosi e i Dubbi amorosi non saranno grande poesia ma sono divertenti.

Ultimo commento

  • Avatar

    Bellissimo e divertente pezzo. complimenti.mario

    Orlandino
    Le eroiche pazzie, li eroichi umori,
    le traditore imprese, il ladro vanto,
    le menzogne de l’armi e de gli amori,
    di che il mondo coglion si innebria tanto,
    i plebei gesti e i bestiali onori
    de’ tempi antichi ad alta voce canto,
    canto di Carlo e d’ogni paladino
    le gran coglionarie di cremesino. (Pietro Aretino