HomeReggio SportLe pagelle di Reggiana-Cuneo

Le pagelle di Reggiana-Cuneo

Bellucci 7,5 Se la Reggiana può dirsi ancora in corsa è merito suo: decisivo in almeno tre occasioni, la prima appena un minuto dopo il vantaggio granata

Bani 5  Il più in difficoltà della retroguardia reggiana; sente più di ogni altro la partita e non sembra mai sicuro in ogni intervento, come al 20′ quando costringe Bellucci al secondo miracolo su Torri. Spaesato ma forse le colpe non sono tutte sue, vero Zauli?

Cossentino 6 L’unico che tiene in piedi la difesa granata e il solo che sembra non subire la tensione della partita. Alla mezz’ora evita con il fisico il gol del pareggio anche se nemmeno lui segue Cristini quattro minuti più tardi

Aya 5,5 Non sbaglia granché dietro ma anche lui è parecchio impreciso e frettoloso nei disimpegni, sintomo della scarsa sicurezza che avvolge l’intero reparto arretrato

Magliocchetti 6 Vedi Aya. Copre bene la fascia ma non osa mai spingersi in avanti (Iraci sv)

Zanetti 5,5 Al rientro dopo diverso tempo, svolge il compitino senza però prendere mai in mano la squadra e l’iniziativa di gioco (Cavalieri 5 Forse anche in questo caso era meglio l’esperienza di uno come Parola)

Ardizzone 5,5 Nel primo tempo è l’unico a mettere corsa e spirito in mezzo al campo, rubando diversi palloni e non perdendo mai un contrasto. Nella ripresa, però, lascia spazio ai pari ruolo avversari e la squadra ne risente parecchio

Antonelli 4,5 Assente ingiustificato. Proprio lui, il capitano che doveva ridare corsa e coraggio a tutti i compagni, non entra mai in partita non riuscendo a fornire quelle accelerazioni sulla fascia di cui questa squadra ha un disperato bisogno. Imperdonabile la sua posizione in occasione del gol piemontese

Matteini 5 Come in tutta la sua stagione, si accende a tratti e non riesce ad essere decisivo nemmeno in questa occasione (Ferrara sv)

Sprocati 5,5 Insieme a Matteini e ad Antonelli è l’unico in grado di poter creare pericoli alla retroguardia ospite ma, come spesso accade, si specchia troppo in se stesso anche se i compagni non sfruttano a dovere i suoi pericolosissimi calci piazzati

Bonvissuto 6 Se non fosse per il clamoroso errore solo davanti al portiere della ripresa, sarebbe stato da 7. Si sblocca in una delle gare più importanti della stagione e lotta da solo contro la rocciosa difesa biancorossa

All.Zauli 5 La Reggiana è la stessa vista fino a due settimane fa, imprecisa, timida e senza idee. L’esperienza di Mei e Parola, in una partita del genere, avrebbero dato più sicurezza alla squadra rispetto alla freschezza dei giovani Bani e Cavalieri. Tra sette giorni servirà un’impresa ed una Reggiana sicuramente più combattiva e meno rinunciataria

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.