HomeAttualitàTanto di Capelli…o della polemica tra il reggiano Pd e il parmigiano 5 stelle

Tanto di Capelli…o della polemica tra il reggiano Pd e il parmigiano 5 stelle

strategie

Le vere strategie politiche nascono nei momenti conviviali

D’accordo non sarà l’ambasciatore nel mondo della pascaliana “Esprit de Finesse” ma quando ci vuole, ci vuole. I dietrologi dicono che quelli di Parma se la siano legata al dito per via della stazione Mediopadana ma in realtà dei provincialotti ce li danno da sempre. Fatto sta che il capogruppo Pd in sala Tricolore Andrea Capelli questa volta ha rotto il protocollo, carta sacra per i rappresentanti istituzionali, ed ha risposto all’ultima sbertucciata d’oltre Enza (un sito web che tacciava Reggio di “mediocrità” nel dibattito social su una proposta di Mirko Tutino a proposito dell’Expo) postando sul suo profilo la più classica delle foto che descrivono sui nostri muri la città cugina. Sostantivo e una sorta di aggettivo sostantivato, diciamo Parma…pupù. Questa volta su tema nevoso.

Gianroberto-Casaleggio-e-Federico-pizzarotti-7-770x569

Grillo guarda male Pizzarotti: è stato troppo tenero coi reggiani…

Il Capelli dice di averlo fatto per mettersi al livello dei detrattori parmigiani e far capire loro a che livello molto basso stessero volando, anzi radendo il suolo. Ma Federico Pizzarotti, nonostante sia un esponente di quel partito che ha fatto dei “Vaffa” il verbo incarnato e del turpiloquio la seconda lingua adottiva, non l’ha presa bene e ha preteso le scuse capelliane. Come finirà? In fuffa, così com’è nata, dai sempre più frequenti e inutili scambi virtuali durante i quali gli interlocutori, in una forsennata lotta contro il tempo della comunicazione, devono postare, cliccare, twittare e whatsappare non sempre sulla medesima lunghezza d’onda dei collegamenti neuronici. O meglio, a tarallucci e vino visto che Andrea Capelli ha invitato a cena Pizzarotti per una pizza riparatrice.

Però, diciamola tutta, questa volta il Capelli ci ha fatto anche un po’ inorgoglire. E rompiamoli ogni tanto ‘sti protocolli che si diventa più veri…

Ultimi commenti

  • io mi ricordo di un personaggio che un sabato pomeriggio girava per il centro di reggio gridando:’antonrlla spaggiari è una putt…’ faceva dieci metri, si fermava e riprendeva con lo stesso slogan. lei agazzani cosa ne pensa di questo tipo?

  • Cosa penso? Che fosse uno straordinario visionario! Uno che pensa che esista qualcuno che pagherebbe per trastullarsi con la Zarina è un genio senza ma e però. Io ho sempre pensato che sarebbe stata meglio una donna.

  • allora vede che non ci siamo? La sua risposta non le fa onore. visto che lei è una persona intelligente e che in futuro avrà certamente l’onore e l’onere di incarichi di prim’ordine, e glielo auguro siceramente, non dimentichi le sue stesse parole.”Chi riveste incarichi istituzionali e rappresenta non se stesso ma una collettività dovrebbe aver imparato se non altro l’elementare, semplice buona educazione. ” . E la certe Cappellate a chi non ha i suoi strumenti.

  • lasci certe Cappellate

  • No, guardi, la ringrazio della stima, ma sinceramente ho già dato: incarichi ne ho già avuti, importanti, prestigiosi, onerosi (ancorché a titolo gratuito, ca va sans dire) ed impegnativi, a josa, e per me non ne voglio più, grazie. E mi sono sempre comportato come se fossi dentro un’istituzione da rispettare e preservare, mai come se fossi a casa mia, ci sarebbe mancato altro. Forse è proprio per quello che ne ho avuto abbastanza.