HomeAttualitàTERREMOTO CENTRO ITALIA Solidarietà reggiana. Unindustria, Diocesi, Confcooperative, Unione Ciechi, Comunita’ Montana, Croce Verde, circolo Gardenia etc: recapiti utili per aiutare le popolazioni colpite

TERREMOTO CENTRO ITALIA
Solidarietà reggiana. Unindustria, Diocesi, Confcooperative, Unione Ciechi, Comunita’ Montana, Croce Verde, circolo Gardenia etc: recapiti utili per aiutare le popolazioni colpite

sisma

CANOSSA, GLI INCASSI DEL CASTELLO PER LE POPOLAZIONI COLPITE

Anche il Castello di Canossa –  di proprietà statale, ma affidato in gestione alla Provincia di Reggio Emilia in collaborazione con Archeosistemi – devolverà l’intero incasso della giornata di domenica 28 agosto alle popolazioni terremotate del Centro Italia. “Condividiamo in pieno l’iniziativa del ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, e rilanciamo l’invito a tutti i reggiani ad andare domenica in segno di solidarietà nei musei, nei loro eventuali luoghi di vacanza o, appunto, al Castello di Canossa e al museo “Naborre Campanini”, che ospita reperti di epoca matildica provenienti dagli scavi eseguiti alla fine del 1800”, dichiara il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi.

Analogo appello viene lanciato da Luca Bolondi e Maria Elena Salsi, sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Canossa, che a sua volta devolverà gli incassi di domenica della Torre di Rossenella: “In tanti hanno già visitato questi monumenti storici matildici, ma quella di domenica è un’occasione diversa, un’opportunità unica per tornare a visitarli, e quindi rivolgiamo un appello a tutti perché approfittino dell’ultima domenica di agosto per compiere un importante gesto di solidarietà attraverso la fruizione dei nostri beni culturali – dicono – Il ricordo dell’Emilia ferita è ancora ben vivo in noi e non ci lascia indifferenti dinnanzi alla tragedia che tanti italiani stanno ora vivendo e siamo certi che anche la comunità di Canossa, estremamente attiva sul fronte dell’associazionismo e del volontariato, domenica farà la sua parte“.

Domenica 28 agosto il Castello di Canossa ed il Museo nazionale “Naborre Campanini” saranno aperti dalle 9 alle ore 12.30 e dalle 15 alle 19 – e la Torre di Rossenella dalle ore 15 alle 19 – con visite guidate svolte dalla Cooperativa AR/S Archeosistemi.

Gli incassi di domenica di Castello di Canossa e Torre di Rossenella saranno versati sul conto-corrente intestato a “La Provincia di Reggio Emilia per le emergenze e la solidarietà“, attivato già mercoledì da Palazzo Allende presso la filiale Unicredit di via Emilia Santo Stefano 18/e. Il conto – aperto alle donazioni di enti pubblici, associazioni, cittadini  – ha le seguenti coordinate Iban:  IT 12 I 02008 12800 000100658213. Nella causale è necessario indicare “Terremoto Centro Italia 2016“:  le somme versate saranno destinate nella massima trasparenza a  progetti di assistenza e ricostruzione, concreti e tangibili, seguiti direttamente dalla Provincia di Reggio Emilia.

*****

LA SERIE A TIM IN CAMPO PER L’UNIONE CIECHI E IPOVEDENTI
I FONDI DELLA LOTTERIA BRAILLE A SOSTEGNO DELLE COMUNITÀ

Anche la Lega Nazionale Professionisti Serie A ha deciso di sostenere la Lotteria Premio Louis Braille 2016Sabato 27 e domenica 28 agosto, in concomitanza con le gare della seconda giornata di andata della Serie A TIM, alcuni bambini ciechi e ipovedenti tra i 6 e i 10 anni accompagneranno l’ingresso in campo delle squadre del massimo campionato di calcio. Verrà inoltre esposto a centro campo uno striscione raffigurante il biglietto della lotteria Braille e sui maxi schermi di ogni stadio verrà proiettato un video promozionale dell’iniziativa, con le immagini di alcune partite di calcio a 5 disputate da non vedenti e ipovedenti.

“Ringraziamo di cuore – spiega il Presidente nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Mario Barbuto – la collaborazione da parte della Lega Nazionale Professionisti Serie A che, in occasione della seconda giornata del campionato di Serie A TIM, in programma sabato 27 e domenica 28 agosto, ha deciso di far scendere in campo i giocatori in compagnia di alcuni bambini ciechi e ipovedenti, che saranno tenuti per mano dai capitani delle squadre. Successivamente agli eventi tragici di questi giorni, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ha deciso di devolvere parte dei fondi (già destinati alla promozione delle attività fisiche, motorie e sportive per le persone con disabilità visiva) della Lotteria Nazionale Premio Louis Braille 2016 a sostegno delle famiglie colpite dal terremoto. “Siamo come tutti colpiti e sgomenti dalle notizie che ci arrivano da questi luoghi e che vedono coinvolti anche alcuni dei nostri soci. Speriamo che questo contributo possa dare un po’ di sostegno a chi ha perso così tanto”.

L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Modena e Reggio Emilia sarà presente con uno stand associativo domenica 28 agosto alle 20,45 al Mapei Stadium di Reggio Emilia in occasione della partita di calcio Sassuolo-Pescara.

Anche quest’anno i biglietti sono in vendita, al costo di 3 €, oltre che dalla tradizionale rete di vendita (ricevitorie del gioco del lotto, tabaccherie e Autogrill) direttamente dalle strutture provinciali dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Primo premio 500.000 €, estrazione l’8 settembre.

*****

FIERA DI SAN VITALE SOLIDALE

Avremmo voluto cogliere l’occasione della Fiera di San Vitale per informare i cittadini su riforme costituzionali e situazione della politica locale. Tuttavia, le immagini che ci arrivano da Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, ci hanno toccato e abbiamo deciso di investire le nostre migliori energie per una raccolta fondi a sostegno delle popolazioni colpite del sisma.
Siamo certi che l’Appennino saprà rispondere con generosità a questa iniziativa. La nostra gente infatti è conscia di come nel momento del dolore ogni parola sia inutile ma, allo stesso tempo, sa anche che l’impegno e la mobilitazione offrono a tutti l’opportunità concreta di fare la differenza.
Il nostro punto informativo sarà in via Crispi, nei pressi della sede del circolo del PD. I fondi che raccoglieremo saranno interamente versati nel conto corrente che il PD ha predisposto a sostegno delle popolazioni colpite:

Iban: IT 96 H 01030 0320000000 6365314
Bic: PASCITMMROM
Causale: PARTITO DEMOCRATICO RACCOLTA FONDI PER TERREMOTO – VIA S.ANDREA DELLE FRATTE 16. 00187 ROMA

Dario Bottazzi (Segretario PD Carpineti)

*****

TERREMOTO NEL CENTRO ITALIA: LA DIOCESI REGGIANO-GUASTALLESE MANIFESTA VICINANZA E SOLIDARIETA’ E SI ATTIVA

Il vescovo Massimo Camisasca, a nome di tutta la Chiesa di Reggio Emilia-Guastalla, esprime profondo cordoglio per le vittime del terremoto che nella notte del 24 agosto ha colpito le province di Rieti, Ascoli Piceno, Perugia e Fermo, tra le quali una famiglia che ha vissuto a lungo a Reggio Emilia, assicurando il ricordo nella preghiera per la popolazione in lutto; nel contempo, manifesta vicinanza e solidarietà alle comunità sconvolte da questa tragedia, dando alla Caritas diocesana, in collaborazione con la Delegazione regionale Emilia Romagna e in coordinamento con Caritas Italiana, il mandato di seguire, come al solito in occasione di simili catastrofi, la fase del dopo emergenza.

La Caritas reggiano-guastallese ricorda che in questo momento è fondamentale non intralciare l’azione di primo soccorso coordinata dalla Protezione civile, per cui invita la cittadinanza a non assumere iniziative personali e a non recarsi ora nelle zone terremotate.

La segreteria Caritas sta invece già raccogliendo, oltre alle prime, importanti offerte in denaro (modalità sul sito www.caritasreggiana.it), le disponibilità di persone volontarie e di materiali e generi di conforto, disponibilità che verranno attivate unicamente secondo le richieste dalle zone colpite (per comunicazioni: tel. 0522.922520, e-mailsegreteria@caritasreggiana.it).

Si ricorda che la Presidenza della CEI ha già disposto lo stanziamento di un milione di euro dai fondi dell’otto per mille per far fronte ai bisogni essenziali e indetto una Colletta nazionale in tutte le chiese italiane domenica 18 settembre 2016, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale di Genova, quale concreta opera di misericordia nei confronti della popolazione così duramente ferita.

Tutte le offerte raccolte dovranno, quanto prima, essere inviate alla Caritas diocesana e verranno utilizzate per sostenere gli interventi caritativi nelle zone colpite dal sisma all’interno del Coordinamento nazionale Emergenze di Caritas Italiana.

PER EFFETTUARE OFFERTE PRO EMERGENZA TERREMOTO CENTRO ITALIA 2016:

Sono disponibili 5 alternative:

1.    mediante bonifico bancario sul conto corrente IBAN IT 46 U 08623 12805 000220127543 presso Banco Emiliano – Agenzia 22 di Reggio Emilia intestato a Compagnia del SS. Sacramento – Caritas Reggiana;

2.    versamento mediante posta compilando un bollettino di conto corrente postale sul Conto Corrente Postale n° 40416851 intestato a Compagnia del SS. Sacramento – Caritas Reggiana, via dell’Aeronautica, 4  –  42124 Reggio Emilia;

3.    offerta presso gli uffici della Caritas Diocesana in via dell’Aeronautica, 4 – RE;

4.    mediante bonifico bancario sul conto corrente IBAN IT 92 X 05387 12810 000001850560 presso Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Agenzia 10 di Reggio Emilia intestato a Compagnia del SS. Sacramento – Caritas Reggiana;

5.    donazione on-line con carta di credito dal nostro sito internet www.caritasreggiana.it nella sezione “donazioni”

Nel caso si desiderasse detrarre / dedurre fiscalmente l’offerta, nei casi 2, 3 e 4 specificare la causale: “EROGAZIONE LIBERALE A RAMO ONLUS PRO TERREMOTO CENTRO ITALIA + nome e cognome dell’offerente”.

La ricevuta che rilascia la banca o la posta, oppure l’estratto conto della carta di credito, è titolo valido da utilizzare in sede di dichiarazione dei redditi secondo le vigenti normative.

*****

DALLA MONTAGNA ANCHE LA CROCE VERDE

La Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto comunica che, mentre è sospesa l’inaugurazione dell’ambulanza pediatrica, rimane nella giornata di domenica sera (28 agosto) la festa “Mercante sotto le stelle” per raccogliere fondi delle vittime del terremoto in Italia centrale. L’appuntamento è in piazza Matteotti a Castelnovo Monti alle ore 21.
“E’ un segno di solidarietà e rispetto per le persone colpite da questa tremenda tragedia” commenta il presidente Iacopo Fiorentini.
Verrà allestita all’interno della festa una raccolta fondi per le popolazioni del terremoto. Come conunicato dal Dipertimento Nazionale di Protezione Civile si invita a non fare raccolte di materiale e alimenti, ma piutosto di fondi per la ricostruzione.
In questa fase, su indicazione del Dipartimento protezione Civile, non è stata avviata una raccolta vestiario ed altri beni per i problemi di stoccaggio e per la gestione de dei materiali nei campi.
Certo sono tante le richieste di donazione da parte dei cittadini. La solidarietà sarà essenziale per affrontare questa immane emergenza che durerà mesi. “Una volta ricevuto il censimento dei beni necessari – comunicano dalla Croce Verde -, ci attiveremo per segnalarvi come e cosa donare. Al momento solo sottoscrizione economica www.anpas.org oppure quanto conunicato dall’Unione dei Comuni Appennino Reggiano”.
Si ricorda che ANPAS NON sta svolgendo né coordinando raccolte di alimenti e vestiari.

*****

AGGIORNAMENTO SUI SOCCORSI: SONO 250 GLI OSPITI DEI TRE CAMPI DELL’EMILIA-ROMAGNA REALIZZATI A MONTEGALLO, IN PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

È pienamente operativa la struttura di assistenza alla popolazione messa in campo dalla Protezione civile della Regione Emilia-Romagna.

I 192 volontari della colonna mobile, partiti a sostegno della popolazione colpita dal terribile terremoto in Centro Italia hanno finito di montare l’ultimo dei tre campi di accoglienza, realizzati in alcune frazioni di Montegallo, in provincia di Ascoli Piceno, nell’epicentro del sisma. Sono in tutto 250 gli ospiti dei tre campi, allestiti nell’impossibilità di creare un’unica struttura a causa della complessa morfologia del territorio e dell’abbondanza di macerie. La Protezione civile sta inoltre aiutando il Comune di Montegallo nella realizzazione della struttura tecnico-amministrativa di coordinamento per le fasi successive alla prima emergenza (denominata Coc, Centro operativo comunale). Si è deciso, questa mattina, il 26 agosto, l’invio di altre tende in grado di ospitare ulteriori 30 persone.

Ieri, 25 agosto, verso le 4 del mattino, sono stati completati il primo e il secondo campo, a Uscerno (frazione di Montegallo): nel primo sono state ospitate 85 persone, mentre il secondo è stato reso disponibile per l’accoglienza dei volontari dei coordinamenti di Modena, Parma, Reggio Emilia, Rimini e Forlì-Cesena, oltre a 20 volontari della Croce Rossa Italiana, 40 dell’Associazione nazionale alpini e 14 dell’Anpas. Infine, durante la mattinata sempre del 25 agosto, è stato completato il campo più capiente, nella frazione di Balzo di Montegallo, atto a ricevere 160 persone. Nel campo è compreso anche un posto medico avanzato, che ospita una farmacia e degli ambulatori, organizzato in collaborazione con la sanità regionale.

Si ricorda che i cittadini di Reggio Emilia che volessero effettuare versamenti — di qualunque entità — possono farlo sul conto corrente IBAN: IT 95 J 02008 12834 000104429458, indicando come causale COMUNE DI REGGIO EMILIA – PRO TERREMOTO CENTRO ITALIA 24 AGOSTO 2016. In seguito alla convenzione con UniCredit spa, che gestisce il servizio di tesoreria del Comune di Reggio, il versamento potrà essere effettuato in una qualsiasi agenzia UniCredit, senza applicazione di alcuna commissione e tutto l’importo verrà devoluto per la causa di solidarietà. La raccolta fondi resterà attiva anche nelle prossime settimane, quando, fermata l’emergenza iniziale, continuerà a essere fondamentale la solidarietà di tutti.

*****

Terremoto: anche UNINDUSTRIA REGGIO EMILIA invita le aziende associate ad aderire alla raccolta fondi, promossa congiuntamente da Confindustria e sindacati, per sostenere le popolazioni colpite dal sisma

Nelle ore immediatamente successive al terremoto del 24 agosto, il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ha manifestato la volontà di Confindustria di promuovere un’iniziativa di sostegno concreto alle popolazioni colpite dal sisma.

Esprimiamo il nostro profondo cordoglio e la nostra vicinanza a tutti gli abitanti, ai colleghi imprenditori e ai lavoratori che in queste ore stanno vivendo con grande coraggio un momento drammatico – dice Mauro Severi, Presidente di Unindustria Reggio Emilia. Per dare un sostegno concreto – precisa Severi –parteciperemo come Associazione alla raccolta fondi definita a  livello nazionale da Confindustria insieme alle Organizzazioni sindacali, Cgil, CISL e UIL e abbiamo inviato alle imprese associate una prima indicazione per attivarsi immediatamente. I lavoratori possono destinare un’ora della propria retribuzione a questa finalità e i datori di lavoro sono invitati a versare un importo equivalente. Nei prossimi giorni verranno definiti gli aspetti operativi di dettaglio e fornite tutte le informazioni utili per consentire che i contributi affluiscano, quanto più rapidamente possibile, su un apposito conto corrente bancario.

Naturalmente potranno essere versate ulteriori somme che le imprese o i singoli ritenessero opportuno destinare a questa finalità.

La destinazione delle somme raccolte sarà decisa in ragione dell’ammontare dei contributi versati e delle necessità che verranno rappresentate dalle istituzioni locali”.

In aggiunta alla raccolta fondi Confindustria ha attivato presso la Direzione Generale di Roma un’Unità di coordinamento e ha avviato, con i colleghi dei territori interessati e delle categorie, ulteriori iniziative a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma sulle quali saranno fornite le necessarie informazioni nelle prossime ore.

E’ inoltre stata avviata una cabina di regia a cui le associazioni territoriali possono comunicare le attività avviate in modo da poter mettere le informazioni a fattore comune e fornire il massimo supporto in questi giorni drammatici.

*****

CONFCOOPERATIVE A FIANCO DELLE POPOLAZIONI
COLPITE DAL TERREMOTO: C/C E RACCOLTA BENI

Nel momento in cui si stringe con commozione e affetto alle popolazioni colpite dal drammatico terremoto che ha causato morte e distruzione in tanti comuni e frazioni del Centro Italia, Confcooperative interviene anche con aiuti concreti a favore di quanti stanno oggi affrontando enormi difficoltà.
In una lettera inviata alle cooperative associate, il presidente di Confcooperative Reggio Emilia, Matteo Caramaschi, sottolinea, tra l’altro, che “la mobilitazione di Confcooperative è certamente legata ai valori di solidarietà e mutualità propri della cooperazione, ma è ugualmente il frutto del profondo turbamento personale e del desiderio di essere d’aiuto che ciascuno di noi ha certamente provato in queste ore”.
Ferma restando, dunque, ogni iniziativa individuale che possa andare in tal senso, Confcooperative ha attivato due specifiche iniziative d’aiuto cui invita cooperative e cooperatori ad aderire.
In particolare, la centrale cooperativa ha attivato a livello nazionale un conto corrente bancario sul quale andranno a confluire i contributi destinati alle cooperative e alle famiglie dei cooperatori colpiti dal terremoto per affrontare le emergenze e sostenere le ricostruzioni (Iban: Banca di Credito Cooperativo di Roma – agenzia 21- IT62T0832703221000000004711).
D’intesa con una importante cooperativa della provincia di Rieti (quella più colpita dal sisma), Confcooperative ha attivato una raccolta di beni di prima necessità che possono essere stoccati in loco e distribuiti alle popolazioni.
Per favorire il miglior esito dell’iniziativa, evitare problemi logistici, inutili accumuli immediati ed eventuali scarsità future, Confcooperative ha invitato le cooperative che intendono effettuare donazioni di beni a segnalare la loro disponibilità (generi e quantità) alla stessa segreteria di Confcooperative Reggio Emilia: Barbara Fioravanti – Tel 0522-546267 – e-mail: b.fioravanti@unioncoop.re.it; Nicoletta Manvilli – Tel 0522-812798 – e-mail: n.manvilli@unioncoop.re.it.
“In tal modo – sottolinea l’organizzazione – sarà possibile sarà possibile organizzare al meglio, con i referenti locali, l’invio degli stessi beni”, anche in funzione di esigenze che cambiano nel tempo e vanno monitorate costantemente.
Le necessità attuali segnalate da Confcooperative alle imprese associate riguardano, in particolare: Prodotti alimentari (tutti a lunga conservazione): pasta, alimenti in scatola, latte a lunga conservazione, biscotti, farina, acqua, unitamente a piatti, posate, bicchieri di plastica e tovaglioli; Prodotti per i bambini: latte in polvere, vestiti, creme, salviettine, pannolini, omogeneizzati, ciucci, biberon e giocattoli; Prodotti per l’igiene: saponi, dentifrici, spezzolini, asciugamani, assorbenti per donna, accappatoi, ciabatte in plastica; Prodotti di biancheria: lenzuola, coperte, sacchi a pelo; Calzature: scarpe uomo, donna e bambino.

*****

L’Unione Montana dell’Appennino attiva un conto corrente
dedicato agli aiuti per il terremoto

CASTELNOVO MONTI – Sono già state molteplici le reazioni e le manifestazioni di solidarietà a seguito dell’appello lanciato dal Sindaco di Castelnovo Monti e Presidente dell’Unione dei Comuni dell’Appennino Reggiano, Enrico Bini, per devolvere una parte degli incassi delle tante iniziative che hanno animato e continuano ad animare il territorio in queste settimane a favore delle zone terremotate. “Come mi aspettavo tante persone e diverse associazioni mi hanno già detto di voler raccogliere questa proposta. Abbiamo quindi deciso come Unione dell’Appennino di aprire un conto corrente dedicato, in modo da poter poi monitorare direttamente l’utilizzo dei fondi che raccoglieremo, secondo progetti che saranno individuati dai piani di ricostruzione nei prossimi mesi. Chiunque abbia il desiderio di fare una donazione quindi, oltre ai diversi canali nazionali attivati in queste ore, avrà anche questa possibilità, siano associazioni, pro loco, o anche privati cittadini. Ringrazio tutti per la sensibilità che come sempre la comunità dell’Appennino sa dimostrare quando c’è bisogno di aiutare chi si trova in difficoltà”.

Ecco gli estremi per chi voglia effettuare una donazione: conto pro terremotati Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano, coordinate IBAN: IT81-P-05034-66280-000000111111.

*****

Una amatriciana per Amatrice al circolo Gardenia
Lunedì si raccolgono fondi per i terremotati

Ancora una volta un terremoto dalle terribili conseguenze ha provocato devastazione, feriti e morti tra gli abitanti di alcuni paesi del centro Italia. La scossa principale del 24 agosto 2016 alle 3:36 e ha avuto una magnitudo Richter 6.0, con epicentro situato lungo la Valle del Tronto tra i comuni di Accumoli, Amatrice (provincia di Rieti) e Arquata del Tronto (provincia di Ascoli Piceno). Centinaia sono i morti e i feriti, migliaia gli sfollati dalle proprie case. Come L’Aquila nel 2009, l’Emilia del 2012 ci siamo anche questa volta.  A queste popolazioni va tutta la nostra solidarietà, insieme al cordoglio per le vittime, tra cui purtroppo tanti bambini.

Il circolo Arci Gardenia di Viale Regina Elena 14 invita tutti i reggiani a cena Lunedì 29 Agosto dalle ore 19.30 per un piatto di amatriciana in favore delle persone e dei paesi del Centro Italia colpiti dal sisma del 28 Agosto 2016. I contributi raccolti (5€ al piatto) saranno versati alla raccolta fondi di Arci nazionale per i terremotati.

Le donazioni da tutta Italia saranno versate sul conto corrente, intestato ad Arci presso Banca Etica Scarl IBAN IT 36 A 0501803200 000000000041, indicando nella causale: “Terremoto Centro Italia”.

Per chi volesse partecipare alla cena di Lunedì chiamate il circolo Gardenia allo 0522/512901 o mandate una mail a: arcigardenia@gmail.com.

ama

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.