HomePrima paginaScossa continua/8Nel Reggiano sale conta dei danni, la situazione delle scuole

Scossa continua/8
Nel Reggiano sale conta dei danni, la situazione delle scuole

Oltre che all’istituto d’arte Chierici anche nell’area delle officine dell‘Iti Nobili serviranno ulteriori verifiche. E’ quanto emerge dai primi sopralluoghi compiuti negli edifici scolastici di competenza della Provincia di Reggio Emilia, ovvero gli istituti superiori. Le scuole di Reggio  resteranno tutte aperte ad eccezione di nidi di infanzia Cervi e Iotti-Agorà e delle scuole d’infanzia comunali Diana, Tondelli, La Villetta, 25 Aprile e della scuola d’infanzia statale San Domenico Savio di Villa Sesso che resteranno chiuse venerdì 31 maggio e il primo giugno.

Alcuni sindaci dei comuni della Bassa hanno invece deciso di chiudere le scuole, in via precauzionale, per tutta la settimana. Anche venerdì, lezioni sospese negli asili, nelle scuole elementari e medie di Reggiolo, Luzzara, Rolo, Guastalla, Rio Saliceto, Fabbrico, Novellara, San Martino in Rio. A Rolo sono emerse le maggiori criticità: la scuola elementare è inagibile e sarà chiusa fino alla fine dell’anno scolastico.

“L’areadelle officine del Nobili ospita diverse aule e laboratori, nelle quali dovremo effettuare ulteriori verifiche e che pertanto non saranno disponibili per le lezioni – spiega l’assessore provinciale all’Istruzione, Ilenia Malavasi – Di conseguenza il dirigente del Nobili, d’intesa con l’Ufficio scolastico provinciale, ha deciso di lasciare a casa sia domani sia venerdì tutte le classi prime dei diversi indirizzi. Per le altre classi del Nobili le lezioni si svolgeranno invece regolarmente negli altri edifici del Polo scolastico di via Makallé”.

Lezioni sospese sia domani sia venerdì  anche al Chierici di Reggio. Sempre per consentire ulteriori sopralluoghi, la Provincia ha inibito fino a venerdì l’utilizzo delle palestre di via Cialdini (ex Scuole verdi) e Iti Nobili in città, Russell di Guastalla e Gobetti di Scandiano. Lezioni regolari da domani, giovedì, in tutti gli istituti superiori di città e provincia, compresi lo Spallanzani e il Motti di via Cialdini dove 2 aule sono state dichiarate inagibili.

Danni e sfollati: la situazione

I comuni più colpiti, riferisce la presidente della Provincia Sonia Masini sono quelli di Reggiolo, Luzzara, Rolo, Guastalla, Gualtieri, Rio Saliceto, Fabbrico e Correggio, ma danni si sono registrati anche Novellara, Brescello, Boretto, San Martino in Rio e a Reggio Emilia. E la conta dei danni, purtroppo, aumenta di ora in ora, così come sale il numero degli sfollati, ormai un migliaio, 550 solamente a Reggiolo e almeno altri 200 a Rolo. Danni strutturali anche al patrimonio della Provincia, in particolare a Palazzo Allende (dove la Sala del Consiglio provinciale è stata dichiarata inagibile), a Palazzo San Giovannino, nonché in due edifici scolastici: l’istituto d’arte Chierici che al momento è parzialmente inagibile e dove le lezioni saranno sospese anche domani e venerdì per consentire ulteriori verifiche, e al Motti alle ex Scuole verdi di via Cialdini dove 2 aule sono state dichiarate inagibili.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.