HomePrima paginaRidimensionatiLa Manodori senza soldi dimezza le erogazioni per il territorio

Ridimensionati
La Manodori senza soldi dimezza le erogazioni per il territorio

Erogazioni quasi dimezzate rispetto all’anno precedente, 70 milioni di euro bruciati in pochi mesi a piazza Affari, casse vuote e la necessità di ricorrere a un prestito bancario per fare fronte alle domande già accolte. Sono i frutti delle avventure finanziare della Fondazione Manodori guidata da Gianni Borghi. Ammonta a 6 milioni di euro il totale dei contributi che la Fondazione erogherà ad enti e che operano nei settori dell’assistenza e del volontariato, dell’educazione, della salute e della cultura. A fronte di 852 domande ricevute nel corso dello scorso anno, sono state 302 le richieste accolte. Nel 2011 la Manodori aveva stanziato 10 milioni di euro.

Tra i principali progetti finanziati, sono stati riconfermati i contributi straordinari anticrisi di oltre 400.000 euro per le persone in difficoltà e le mense per indigenti. Di rilievo, i percorsi a supporto di minori a rischio, per l’integrazione di stranieri e disabili, per gli ammalati, gli anziani, le donne sole con bambini. Nel settore educativo, numerosi i progetti sostenuti per tutti le scuole di Reggio e provincia, dal nido all’università. Nello specifico, oltre 1.000.000 di euro per garantire la continuità dei servizi delle scuole per la prima infanzia e 340.000 euro per progetti di ricerca e formazione superiore. Per la sanità, da segnalare 500.000 euro per il nuovo acceleratore lineare al Santa Maria e 138.000 per le pubbliche assistenze della provincia. Per la cultura, 500.000 euro per l’attività de I Teatri a favore dei giovani e delle scuole. Confermato il supporto a tante mostre e iniziative culturali, come il programma espositivo della Fondazione Palazzo Magnani e la rassegna Fotografia Europea, e per la conservazione del patrimonio artistico e architettonico di tutto il territorio reggiano.

Nelle casse dell’ente di palazzo del Monte, però, non ci sono abbastanza soldi. Per questo con ogni probabilità si dovrà ricorrere a un prestito bancario. Una misura d’emergenza che pone inquietanti interrogativi sul futuro.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.