HomeAttualità#ReggioForParis: in migliaia in piazza contro il terrore

#ReggioForParis: in migliaia in piazza contro il terrore

IMG_8123Piazza Prampolini davvero gremita per la manifestazione di solidarietà al popolo francese e contro il terrorismo promossa da Provincia e Comune di Reggio Emilia. Diverse migliaia di persone hanno preso parte al corteo, comprese le comunità islamiche. E proprio a “questa piazza che emoziona e che conferma ancora una volta l’impegno e la militanza civile dei reggiani e che dunque merita un caloroso applauso” è andato il primo pensiero del presidente della Provincia Giammaria Manghi, intervenuto insieme al sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi e al presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

IMG_8110“Ho appreso delle stragi uscendo da teatro e come voi sto vivendo questo ore con grande inquietudine e angoscia per qualcosa che, come ha magistralmente sintetizzato ancora una volta Papa Francesco, non è umano – ha aggiunto il presidente Manghi – Siamo di fronte a una nuova guerra forse, certo a un conflitto diverso, combattuto con altri stili e altri modi rispetto al passato, e il tema è come reagire: innanzitutto rimanendo uniti, come comunità provinciale, nazionale e internazionale; tenendo alto il livello di guardia e prestando grande attenzione alla sicurezza, come anche in questa provincia si sta facendo; soprattutto non chiudendoci, ma essendo comunità vera e facendo sì che i principi di libertà, uguaglianza e fraternità restino al centro del nostro agire”.

IMG_8081Infine, riferendosi alla partecipazione della comunità islamica alla manifestazione di Reggio Emilia – “a quel bambino che ha sfilato insieme a noi con un cartello molto esplicito che diceva “Siamo mussulmani, non siamo né terroristi né bastardi” – il presidente Manghi ha parlato di “una testimonianza civile di vera condivisione importante: una disgiunzione inequivocabile nei comportamenti è fondamentale da parte di un popolo che deve camminare con noi perché l’integrazione si fa insieme”.

IMG_8146“Siamo qui perché pensiamo che una religione, sia essa musulmana o qualsiasi altra, non possa e non sarà mai il fondamento e la legittimazione del terrore, della morte e della distruzione della persona” ha dichiarato dal palco Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia. “E’ a questo fanatismo che bisogna rispondere con fermezza, con i modi e le forme necessarie. Dobbiamo andare fino in fondo. Perché questi attacchi ci riguardano tutti”.

IMG_8145“Abbiamo subito un colpo al cuore dell’Europa che ci ha riportati al quel drammatico 11 settembre a New York” è stata la condanna emessa da lpresidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini: “Quei terroristi dobbiamo chiamarli con il loro nome: sono assassini. Ma non dobbiamo generalizzare: ci sono anche musulmani che stanno combattendo contro di loro. Faccio appello a tutte le forze politiche: non dividiamoci per 10 voti in più alle elezioni”.

La manifestazione si è chiusa con un minuto di silenzio per le vittime degli attentati di Parigi.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.