HomePrimo pianoPiazza della Vittoria: parcheggio o buco nero?

Piazza della Vittoria: parcheggio o buco nero?

Parcheggio o buco nero?I lavori di scavo del parcheggio interrato di piazza della Vittoria non cominciano sotto i migliori auspici. Dopo rinvii e polemiche, il 26 giugno aprirà il cantiere e in ottobre le ruspe cominceranno a perforare il terreno. A lungo si è discusso dell’utilità di quest’opera di cui si parla da anni e che è stata indicata dai sostenitori come la soluzione al problema del posteggio in centro storico. In realtà le incognite sono numerose e il percorso che ha portato all’approvazione definitiva da parte della giunta è stato lungo e tortuoso. Il progetto, peraltro, ha subito due ridimensionamenti significativi, con il progetto definitivo che ha ridotto i posti auto da 420 a 280. L’opera che si appresta ad essere realizzata è infatti frutto di un compromesso raggiunto dopo un braccio di ferro tra l’assessore Mimmo Spadoni e il consorzio di aziende che ha vinto l’appalto, ovvero la Reggio Emilia Parcheggi S.p.a, che riunisce il Consorzio Cooperative Costruzioni (CCC) (fra cui Unieco e Orion), dal Consorzio Nazionale Cooperative di Produzione e lavoro Ciro Menotti (CCM), dalla APCOA parking Italia S.p.A e dalla Final S.p.A. E’ servito un atto di forza da parte dell’assessore che ha minacciato di rivedere la gara d’appalto per sbloccare la situazione e imprimere l’accelerazione definitiva.

I lavori partono, ma le incognite restano. Incognite legate innanzitutto alla durata del cantiere: la stima della durata dei lavori è di 19 mesi, ma i tempi potrebbero allungarsi data la complessità dell’opera, la qualità del terreno soggetto a infiltrazioni d’acqua e la possibilità di trovare reperti archeologici durante le operazioni di scavo (l’area era interamente occupata dalla vecchia Cittadella). Il rischio è che la zona resti isolata rispetto al resto del centro storico, come era già accaduto per la realizzazione del parcheggio interrato di piazzale Marconi, di fronte alla stazione. I commercianti che per anni hanno chiesto a gran voce il parcheggio, oggi sono preoccupati dalle conseguenze di una lunga stagione di lavori.

Il problema dei tempi si intreccia con la questione economica, di cui si è parlato poco ma che rischia di ripercuotersi sull’intera operazione: è noto che le principali cooperative edili che fanno parte delle aziende vincitrici dell’appalto stanno vivendo una fase di grave difficoltà e non mancano i dubbi relativi alla sostenibilità economica dell’intera operazione. Dubbi che pare siano stati avanzati dalla stessa società capofila, la Apcoa, che gestisce anche il parcheggio Zucchi.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.