HomeReggio“Nuova” IrenSì alla governance, no al tetto ai maxi stipendi

“Nuova” Iren
Sì alla governance,
no al tetto ai maxi stipendi

Anche in questo caso alcuni consiglieri del Pd si sono sfilati nonostante fosse arrivato dai piani alti del partito il perentorio invito anche agli assenti a comparire in sala Tricolore perché non si ripetesse la mancanza del numero legale del mercoledì precedente. La partita era troppo importante: la nuova governance di Iren, ovvero la ridefinizione dei vertici e delle sue competenze, fortemente voluta in questi mesi specie dai sindaci emiliani, e il nuovo rapporto di questa coi comitati territoriali, che dovrebbero rappresentare attese e problemi dei cittadini serviti dalla multiservizi.
La delibera della giunta, illustrata dall’assessore Mimmo Spadoni è stata approvata dicevamo con 20 voti a favore e 9 contrari mentre sono stati bocciati tutti gli emendamenti delle opposizioni. Uno in particolare ha mandato in pezzi il Pd: la richiesta che i manager Iren non guadagnassero più del doppio dello stipendio di un sindaco di un comune capoluogo. Bocciata, così come la richiesta di abolizione dei benefit aggiuntivi agli amministratori, ma con l’astensione di 5 consiglieri e più d’un insulto all’indirizzo dei banchi del Pd.
Le prossime tappe saranno: entro il 2 giugno le liste per il Cda di Iren (che assorbirà le funzioni del comitato esecutivo destinato a scomparire); entro il 15 giugno l’assemblea straordinaria per le modifiche dello Statuto e il 27 l’assemblea per il bilancio e la nomina del nuovo cda

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.