HomeAttualitàLa Festa dei Diritti

La Festa dei Diritti

«La Festa Nazionale de Diritti sarà a Festareggio perché da sempre questa è la festa dell’inclusione». Così il segretario PD Andrea Costa ha presentato in conferenza stampa la Festa Nazionale dei Diritti del Partito Democratico, a Festareggio dal 26 al 28 agosto.

pokéDiritti umani, nuove famiglie, riforma delle adozioni, ius soli, giustizia minorile e violenza contro le donne. Saranno solo alcuni dei temi toccati nella tre giorni reggiana promossa da Micaela Campana, responsabile della segreteria con delega ai Diritti. Tra i tanti ospiti dell’iniziativa, il 27 agosto, il ministro della Giustizia Andrea Orlando e la senatrice Monica Cirinnà. Il 26 agosto si parlerà della Legge sul cyberbullismo in discussione alla Camera, che sarà votata alla ripresa dei lavori, insieme all’onorevole Paolo Beni, relatore della proposta di legge, e alla consigliera regionale PD Valentina Ravaioli. Il 28 agosto si affronterà il tema delle nuove genitorialità e dei cambiamenti legislativi nel sistema delle adozioni con l’onorevole Vanna Iori, membro della commissione Giustizia della Camera e responsabile infanzia della Segreteria nazionale PD, Sandra Cioffi, vicepresidente di Telefono Azzurro, Angelo Schillaci, ricercatore dell’Univeristà La Sapienza, e Marco Scarpati di Ecpat.

«Ci abbiamo tenuto che la Festa Nazionale dei Diritti si tenesse qui a Festareggio – ha detto Costa – a conferma che Reggio Emilia è storicamente la culla dei diritti, una città all’avanguardia in molte battaglie che dal locale arrivano poi alla ribalta nazionale. L’abbiamo voluta Festareggio perché tutta la festa è stata pensata, dall’inaugurazione ai tantissimi appuntamenti in programma, come un luogo in cui nessuno è escluso, in cui nessuno si senta ospite. Un luogo dove si viene per essere comunità. Essere comunità significa esserlo a 360 gradi, a partire dalle cose più piccole a quelle rilevanti, dalla vita quotidiana alle grandi questioni internazionali».

«La Festa Nazionale dei Diritti arriva a Festareggio in un anno particolare – commenta Micaela Campana, in una nota – quello in cui dopo 30 anni di tentativi andati a vuoto, l’Italia si è dotata di una legge sulla regolamentazione delle unioni civili. La festa vuole essere un’occasione per parlare dell’Italia che cambia grazie all’azione del PD e di questo governo. Grazie al segretario regionale Paolo Calvano e a quello provinciale Andrea Costa, e a tutte le persone che lavorano alla realizzazione della festa, per averci dato la possibilità di essere a Festareggio. Spero sia per molti un’occasione di divertimento, riflessione e confronto per continuare a crescere insieme nelle nuove sfide che ci troveremo ad affrontare».

Andrea Costa racconta come Festareggio sia davvero la festa dell’inclusione, a partire da gesti semplici ma importanti come le tovagliette dei ristoranti, realizzate in collaborazione con GIS – Genitori per l’inclusione sociale, riportano la Carta dei diritti alla comunicazione. Da una piccola conquista quotidiana si passa poi alle grandi questioni internazionali: «Immaginando che l’Europa potesse essere grande tema di cui parlava Festareggio – spiega il segretario PD – nei mesi scorsi ho contattato personalmente la famiglia Solesin, per il modo in cui ha reagito davanti alla tragedia della morte della figlia Valeria al Bataclan, sposando una tesi di un’Europa aperta. Purtroppo non riusciranno a essere presenti a Festareggio ma, dopo averci ringraziato per aver pensato a loro e per le parole di amicizia, ci hanno invitato – e noi abbiamo accettato volentieri – a aderire alla campagna “No hate, no fear”lanciata dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, per promuovere le libertà fondamentali, i valori della tolleranza e del rispetto della dignità umana».

Anche quest’anno Festareggio ha scelto di collaborare con l’organizzazione umanitaria GVC onlus e donerà il 50% dei contributi raccolti alle porte d’ingresso della festa per aiutare i rifugiati siriani in Libano.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.