HomeAttualitàIl trionfo del gusto benefico: The Good Food domenica 28

Il trionfo del gusto benefico: The Good Food domenica 28

18699754_10213082612525839_4582125900761294265_nIl Salmo 103 dice: Dio ha dato il pane all’uomo per rinforzare il cuore e il vino per allietarlo. «Solo che noi al posto del vino preferiamo la birra». Così la pensa Frate Agostino Wilmeth, uno dei 14 monaci benedettini di Norcia (in foto in homepage). Americano del South Carolina, 23 anni, Frate Agostino parla un ottimo italiano e sarà a Reggio Emilia sabato alle ore 16 nel giardino di Palazzo Sacrati, in via Emilia 28, per un incontro pubblico sulla comunità benedettina di Norcia, il cui monastero nel centro della cittadina umbra è andato distrutto con la terribile scossa dello scorso 30 ottobre. La nuova dimora dei Benedettini è ora in costruzione su una collina nelle immediate vicinanze di Norcia. Con Frate Agostino ci sarà anche un altro benedettino, Padre Basilio, e ci saranno le celebri birre “Nursia” (in versione bionda ed extra-dry da 33 cl e nella versione da 75cl), le birre prodotte proprio dai Benedettini di Norcia che oltre a rappresentare un formidabile strumento di autofinanziamento per i “Monks of Norcia”, sono anche una perfetta fotografia del motto “Ora et Labora”che da sempre caratterizza i Benedettini. All’incontro di sabato pomeriggio con i due religiosi parteciperà anche il direttore di Telereggio Mattia Mariani.

I due monaci saranno gli ospiti d’onore di “The Good Food. Reggio Emilia for Norcia”, un evento a metà tra solidarietà, cultura e gastronomia che animerà Piazza Martiri del 7 luglio nella giornata di domenica 28 maggio, dalle 11 del mattino alle 11 di sera. La data scelta dagli organizzatori non è casuale: cade proprio nel 5° anniversario della seconda scossa del terremoto dell’Emilia. Cibo per la mente, dunque, direbbe il superchef Bottura. Cibo per lo spirito, semmai, potrebbero rispondere in coro i promotori dell’evento, Boorea, Arci, Caffè Arti&Mestieri, Piccola Piedigrotta, Food Innovation Program e Canali&C.
Letteralmente da leccarsi i baffi il programma enogastronomico.
***

FUNNYLINGUS. Una domenica di gusto e divertimento

FUNNYLINGUS. Una domenica (dalle 11 alle 23) di gusto e divertimento a Reggio… per tutti i palati

Saranno una trentina gli stand di ristoratori, pizzaioli, vignaioli e fooder pronti a cucinare e proporre i loro prodotti a favore della ricostruzione della città umbra, duramente colpita dal terremoto del 2016.Tra i maestri della pizza il protagonista sarà il “pizzaiuolo on the road” Giovanni Mandara di Piccola Piedigrotta, miglior pizzeria dell’Emilia-Romagna per la Guida Gambero Rosso. Insieme a lui in piazza ci sarà una squadra di pizzaioli di Reggio e non solo: Il Fortino Di Don PeppeNuova Piedigrotta 2, Grotta Smeralda, Il Buontempone, Da Nasti Pizzeria Capri di Bergamo e Bella Napoli Vigevano. Ad arricchire le pizze, impastate con le farine del Molino Davolio Marani, ci saranno la mozzarella della Latteria Mortaretta srl di Reggiolo e Mutti Pomodoro.Poi da Carpi è attesa Loanna Giroldi di TOMA & TOMI, che per l’occasione porterà selezioni pregiate di formaggi umbri. La birra sarà servita dal Circolo Arci Tunnel. Il lambrusco, l’Ottocento Nero e l’Ottocento Rosa, lo porterà Cantine Riunite. La Spumanteria all’ Opera della sommelier Laura Zini servirà i migliori vini dell’Umbria. I cocktail saranno preparati da Jigger – spiriti e cucina. L’erbazzone lo farà Pause di Reggio Children. Il gnocco fritto sarà offerto da Gnok & Roll di Modena, che verrà a Reggio accompagnato dal Balsamico Tradizionale di Modena dell’Acetaia Malagoli . Attese anche le rezdore del Circolo Arci Gardenia con torte e altre leccornìe. Anche il Balsamico Tradizionale reggiano sarà rappresentato al massimo livello, grazie ad Andrea Bezzecchi dell’Acetaia San Giacomo di Novellara. La carne sarà grigliata dalla Macelleria Ferretti.La lista prosegue con lo stand della Marmellata della prugna zucchella, quello dell’hamburgeria WellDone e altre prelibatezze, come i gelati di Simone De Feo della Cremeria Capolinea. Delle birre Nursia del Monastero Benedettino abbiamo già detto, ma saranno presenti anche i cappelletti di La Bottega del Tortello, il Parmigiano Reggiano e il burro del caseificio di Roncadella. Naturalmente non mancheranno i produttori dell’Umbria, come Gradassi con il suo celebre olio, e la Macelleria – Norcineria Il Casale De Li Tappi con il prosciutto di Norcia e i suoi apprezzati salumi. Ci sarà anche l’acqua d’orcio di Antonella Bondi e si potranno acquistare libri di cultura enogastronomica grazie alla Libreria del Teatro.

***

La cultura avrà un ruolo importante anche nella giornata di domenica. A partire dalle ore 11, un convegno ospitato dai Musei Civici di Reggio parlerà della cultura e delle tradizioni artistiche, enogastronomiche e religiose di Norcia e dei Benedettini con la partecipazione, tra gli altri, di Vincenzo Bianconi di “I love Norcia”, lo storico dell’alimentazione Mario Zannoni, l’architetto Franca Manenti ValliIvanna Rossi, già assessore ai Porci Comodi, e Stefano Scansani, direttore della Gazzetta di Reggio: coordinerà Massimiliano Panarari, editorialista de “La Stampa” e consigliere di Boorea. Al convegno interverranno anche i promotori di “Reggio4Norcia” e le istituzioni di Reggio Emilia e Norcia. 

***

Molto attese anche la mostra fotografica su 10 ristoranti emiliani, lombardi e umbri danneggiati dal terremoto, e le performance, sempre in Piazza Martiri del 7 luglio, dei dJ di Eleva e di Foodj Nick Difino.

Il programma completo si può trovare su www.thegoodfood.it 

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.