HomeCulturaI “Canti d’addio penultimo” e gli ebook di thedotcompany

I “Canti d’addio penultimo” e gli ebook di thedotcompany

 

Serata di vernissage e delicatessen, ulteriormente impreziosita dalla presenza di importanti ospiti del panorama letterario italiano quella di giovedì alle Notarìe di Reggio. L’occasione di cotanta chiamata alle arti, quella che di solito fa l’uomo glabro (dress e press code raccomandato: venite sbarbati, o perlomeno portate con voi il rasoio di Occam), è stata l’inaugurazione della casa editrice thedotcompany (un “mini-appartamento editore”, lab-oratorio start up di creatività e scritture stand up), quindi della sua collana d’esordio, Myricae, dedicata alla poesia “contemplo-ranea”, nonché, last but not beast, la presentazione del primo volume pubblicato, vale a dire il fantasmatico “Canti d’addio penultimo” del poeta reggiano Gianfranco Parmiggiani (in versione cartacea e in formato eBook).

All’appuntamento sono intervenuti l’assessore all’Agenda digitale reggiana Valeria Montanari, l’animatore culturale ed eclettico intellettuale nonché docente di Storia della Filosofia all’università di Firenze Alessandro Pagnini, l’imprenditore-editore ICT e insegnante universitario patron dithedotcompany Armando Sternieri, il tardo bohémien col suo bagaglio a mano di sofistica e solipsistica flanerie Ciro Andrea Piccinini. Alle corde pizzicate dell’anima mundi, infine, l’arpista confidenziale dal tocco new age Daniele Moreschi. Nella seconda parte della serata, poi, il momento clou, ossia la presentazione del volume “Canti d’addio penultimo” di Gianfranco Parmiggiani (alla sua quarta raccolta pubblicata). Ne hanno parlato con l’autore l’esimio poeta-scrittore Emilio Rentocchini da Sassuolo e il critico letterario nonché scrittore-poeta e docente di Letteratura italiana contemporanea all’università di Bologna Alberto Bertoni.

Presente un folto pubblico di amici, appassionati, poeti benedetti più che maledetti, uomini di cultura, curiosi e varia umanità ed amenità.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.