HomeAttualitàIl sottosegretario Graziano Delrio: la sinistra sono io

Il sottosegretario Graziano Delrio: la sinistra sono io

imageZOIY28P9Dire “questo è un governo di sinistra” è facile; basta mettere insieme cinque parole in una frase fatta. Più difficile, anzi impossibile, è far credere alla sinistra che le cose stiano così.

Graziano Delrio, alla vigilia della manifestazione di protesta sindacale, ci aveva provato: “Siamo un esecutivo di sinistra. E sbaglia la Cgil a scendere in piazza contro un governo così e contro una riforma che non toglie diritti ma li amplia“. Il sottosergretario non aveva nemmeno mancato, in un’intervista alla Stampa del 12 ottobre, di criticare quegli esponenti Pd che si apprestavano a scendere in piazza contro il governo: “Molte manifestazioni di responsabilità in questi giorni ci sono state e se i parlamentari del Pd evitassero di andare in piazza risparmieremo ai cittadini quei brutti episodi del governo Prodi“.

E la sinistra? Erano in migliaia, ieri a Bologna (foto), i manifestanti che hanno aderito alla manifestazione di protesta indetta dalla Cgil. Tremila provenienti da Reggio Emilia, tutti a a contestare il Jobs Act. Ed era solo un assaggio di quello che è un pacchetto di scioperi e manifestazioni che il sindacato della Camusso e la Fiom di Landini stanno programmando, a cominciare dal grande appuntamento – a Roma – del 25 ottobre.

Delrio continua a sostenere che il governo Renzi stia facendo cose di sinistra. Interessante sarebbe il sapere cosa ne pensa, il sottosegretario ed ex sindaco di Reggio, in merito ai tagli agli enti locali: è qualcosa di sinistra? Risposta non facile. Anche perchè Delrio, quando era presidente nazionale dell’associazione dei Comuni, non perdeva occasione per sbraitare contro i tagli agli enti locali, affermando – come ad esempio nel 2012 – principi del tipo: “Siamo consapevoli che il Paese è in difficoltà ma l’incendio non si spegne spostandolo sui territori periferici“. Parole sante. Stavano – queste parole – a sinistra, a destra o da nessuna parte? Mah. Di certo non stavano dove sta adesso l’azione del governo Renzi, che proprio in queste ore annuncia una finanziaria che – per abbassare la tassazione e sostenere il bonus degli 80 euro – taglia i trasferimenti di fondi ai territori. “E’ facile abbassare le tasse con i soldi degli altri” ha commentato il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, ex segretario nazionale della Sinistra Giovanile.

L’incendio, da quando Delrio si è spostato dall’altra parte, è diventato spostabile?

Chiediamolo a chi si crede il nuovo segretario nazionale della Sinistra Senile.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.