HomeReggioCaro direttore, nella cultura ci crediamo sul serio

Caro direttore, nella cultura ci crediamo sul serio

Caro direttore, mi hai sorpreso anche stavolta.
In passato, quando pensavo di poter raccogliere il tuo plauso, non sono riuscito a convincerti della bontà di alcune proposte; oggi con una generosità che ti fa onore esprimi un giudizio estremamente lusinghiero sul sottoscritto quale assessore alla cultura.
Evidentemente hai una propensione, sicuramente nobile, a difendere chi è in difficoltà…
A prescindere però da elementi personali, vorrei ribadire quattro questioni che mi sembrano importanti:
1)la giunta Delrio ha creduto all’importanza della cultura per la vita della città e al suo rapporto coessenziale tra cultura e politica;
2) per questo la giunta Delrio ha fortemente investito in cultura;
3) le nostre proposte culturali hanno permesso a molti cittadini, soprattutto giovani, di esprimersi come mai era successo in passato in ambito culturale;
4) abbiamo rivoluzionato il rapporto tra pubblico e privato, trovando molte più risorse e abbiamo interrotto la spirale dell’assistenzialismo culturale a beneficio dei soliti pochi.
Come vedi, direttore, non voglio fare l’elenco delle tante iniziative di questi anni: sono state proposte di successo, ma possono non essere piaciute o forse potevano  ssere migliori.
Il punto non è questo. Quello che voglio dire è che noi ci abbiamo creduto davvero sull’importanza della cultura per la politica di una città.
Sarò io a continuare in questo bellissimo impegno, a proseguire con Delrio nel ruolo di assessore alla cultura della propria città fino al 2014? Sarà un altro?
Non si può sapere, ma l’importante è che si continui a credere che gli investimenti in cultura fanno bene alla politica e soprattutto alla città.
Su questo, tu ed io siamo sempre stati d’accordo.
Ancora un grazie.
Un caro saluto.

Giovanni Catellani

Ultimi commenti

  • Ad ulteriore riprova dell’atipicità (in positivo) del Catellani, è tempo di rivelare una circostanza che vi assicuriamo del tutto reale ma i cui particolari non vi sveleremo. Per la doverosa riservatezza verso chi invece in giunta non solo sopravvive ma ne farà un trampolino di lancio. Durante un’abbastanza recente inaugurazione, l’assessore X si complimentò (sicuramente per circostanza) col sottoscritto per le prime battute del suo blog “Reggio7”. All’invito ad intervenire in prima persona sui problemi sollevati e inerenti i suoi uffici, l’assessore X rispose che questo gli avrebbe potuto comportare dei problemi politici. Le considerazioni sul rapporto timore-coraggio ma ancor di più sulla possibilità che si possa avere dei problemi se si interviene su alcuni organi di informazione e su altri no (in base a quali criteri poi?) le lasciamo a chi legge. Oltre all’approfondimento sulla reale capacità democratica di Reggio. Doppio onore dunque a Catellani

  • Triplo onore, direi: onore all’intervento di Catellani Reloaded, onore a te che hai citato l’episodio “X” e onore a “Reggio7” (tuo ma – almeno allora, quando esisteva – anche mio, come hai giustamente rilevato in un editoriale di qualche mese fa: unicuique suum). Viva la cultura! Viva i blog! Viva la libertà! 😉