HomeAttualitàBoikott Cir Food: la pancia può più della solidarietà

Boikott Cir Food: la pancia può più della solidarietà

Circa 150 lavoratori dei 74 punti mensa della Cir Food (la catena alimentare coop a marchio Rita) hanno manifestato davanti alla sede del colosso cooperativo in via Nobel a Reggio dopo la decisione dei vertici di cancellare il contratto integrativo (una media di 80 euro al mese in busta paga). Il sit-in era stato proclamato da Cgil, Cisl e Uil; Cir Food ha buoni conti economici e annunciato decine e decine di nuove assunzioni (anche se non ancora dato sapere attraverso quale formula). Cir Food da 4 anni presenta utili e bilanci in continua crescita raggiungendo 11mila dipendenti nelle 68 province italiane in cui è presente. A Reggio, dove ha di fatto il monopolio delle mense scolastiche, case di riposo e aziendali, ci sono 1000 dipendenti e il 2013 è stato l’anno dai ricavi più alti.

I sindacati avevano chiesto ai clienti abituali di non andare alle mense almeno per il pranzo del giorno della protesta in solidarietà della vertenza che vede impegnati i lavoratori. Ma sarebbero state poche le mense aziendali rimaste chiuse.

 

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.