HomePrima paginaAnticipazioniIl ciellino Camisasca è il nuovo vescovo di Reggio

Anticipazioni
Il ciellino Camisasca è il nuovo vescovo di Reggio

Massimo Camisasca

Monsignor Massimo Camisasca è il nuovo vescovo di Reggio. Lo scrive il vaticanista Andrea Tornielli su Vatican Insider, la sezione del sito de La Stampa dedicata alle vicende d’Oltretevere confermando quanto anticipato dal 7per24 in maggio. L’annuncio ufficiale, salvo sorprese, dovrebbe avvenire sabato. Si tratta di una nomina che segna una svolta rispetto al passato: papa Benedetto XVI ha infatti scelto come successore di monsignor Adriano Caprioli un “conservatore”, rompendo una lunga tradizione che dura dalla fine dell’episcopato di Beniamino Socche, ultimo vescovo principe della città.

Nato a Milano nel 1946, Camisasca è il superiore della Fraternità sacerdotale san Carlo Borromeo ed è figura di primo piano del movimento di Comunione e Liberazione. Studente al liceo Berchet di Milano, ha incontrato don Luigi Giussani al quale è sempre stato molto legato. Ordinato sacerdote nel 1975, dieci anni dopo ha dato vita alla Fraterinità San Carlo, uno dei più importanti centri per la formazione dei preti missionari. Dal 1981, per molti mesi, ha tenuto la trasmissione radiofonica Parole di vita, che ne ha fatto una delle voci più conosciute della radio italiana. È stato insegnante di filosofia nei licei, all’Università Cattolica di Milano ed alla Pontificia Università Lateranense a Roma. Dal 1993 a 1996 è stato vicepresidente del Pontificio Istituto per gli studi sul Matrimonio e la Famiglia, con sede a Roma. E’ autore di numerosi saggi e libri, tra cui la storia del movimento di Comunione e Liberazione in tre volumi.

La prima, spinosa questione che il nuovo vescovo dovrà affrontare sarà quella della Comunità sacerdotale Familiaris consortio(riconosciuta come associazione pubblica di chierici l’8 dicembre 2008), una specie di mini-chiesa nella chiesa, con Unità pastorali e nuovi sacerdoti al suo interno. Una comunità che ha chiesto vita comune e formazione specifica già dal marzo del 2000 e che è sempre stata una spina nel fianco per la Curia locale.

Ultimo commento

  • comunione e fatturazione anche a reggio! evvaii! sempre peggio!