HomeCulturaAddio Merlin. Prostituzione: quale riforma?

Addio Merlin. Prostituzione: quale riforma?

Bordello-Shop-London-Dressing-Room

Era il 1958 quando venne approvata la Legge Merlin che aboliva le cosiddette “case chiuse”, ma non vietava la prostituzione. A distanza di quasi sessant’anni le criticità di questo provvedimento legislativo, e delle aspettative che lo avevano promosso e giustificato, sono sotto gli occhi di tutti, giorno e notte.

 

I Rotary Club Reggio Emilia Val di Secchia, Reggio Emilia e Reggio Emilia Terra di Matilde, con il patrocinio di Comune di Reggio Emilia e Ordine degli Avvocati di Reggio Emilia, promuovono una giornata di confronto con alcuni degli autori delle proposte di legge, depositate alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, che mirano al superamento della normativa vigente.

 

Addio Merlin. Prostituzione: quale riforma?” è il titolo del convegno, aperto al pubblico, che si terrà sabato 19 settembre, dalle ore 9 alle 13, presso la Sala del “Palazzo del Capitano del Popolo” (in piazza Del Monte 2) a Reggio Emilia, e che vedrà protagonisti la senatrice Maria Spilabotte, vicepresidente della Commissione Lavoro al Senato della Repubblica, l’onorevole Pierpaolo Vargiu, presidente della Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati, autori di due proposte di legge già presentate in Parlamento, e il professore Alberto Cadoppi, ordinario di Diritto penale presso l’Università degli studi di Parma, curatore di un recente volume in materia. Interverranno inoltre l’avvocato penalista Liborio Cataliotti, del Foro di Reggio Emilia, e Alfa Strozzi, responsabile del progetto “Rosemary” del Comune di Reggio Emilia.

Un’occasione per fare il punto sullo stato di avanzamento delle proposte di legge presentate e per affrontare, secondo approcci diversi, un tema di grande complessità che coinvolge l’opinione pubblica in un dibattito sempre più ampio, nell’interesse comune di tutelare la legalità e contrastare il traffico e lo sfruttamento delle persone coinvolte.

 

I lavori saranno moderati dall’onorevole Stefano Dambruoso, questore della Camera dei Deputati e prevedono i saluti iniziali del dottor Luca Reggiani, presidente del Rotary Club Reggio Emilia Val di Secchia, del professor Paolo Pasini, governatore Rotary del Distretto 2072, dell’avvocato Natalia Maramotti, assessore a Sicurezza e Cultura della legalità e Città storica del Comune di Reggio Emilia, e dell’avvocato Celestina Tinelli, membro del Consiglio nazionale forense. Le conclusioni sono affidate all’avvocato Franco Mazza, presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Reggio Emilia.

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Emilia assegnerà due crediti formativi agli avvocati che parteciperanno al convegno.

 

 

 

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.