A Reggio il no profit produce 144 milioni di euro

Centoquattro cooperative sociali, 263 organizzazioni di volontariato, 299 associazioni di promozione sociale. 281.164 sono soci di queste organizzazioni e ben 26.403 donano il proprio tempo da volontari.
Sono questi i primi dati che emergono dall’indagine sul no profit reggiano promossa dall’Osservatorio del  Terzo Settore di Reggio Emilia e voluta da Fondazione Manodori, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Camera di Commercio di Reggio Emilia, Forum del Terzo Settore e Centro di Servizio per il Volontariato Dar Voce.

10.922 sono poi i lavoratori impiegati nel Terzo Settore, un comparto che a Reggio Emilia  genera oltre 280 milioni di euro di entrate annue e più di 275 milioni di euro di uscite, incidendo per l’1,30% sul numero delle imprese, per il 51,6% dei soci sulla popolazione, per il 4,10% sull’occupazione dipendente. Il no profit infine produce un valore aggiunto pari a 144 milioni di euro con una incidenza relativa che supera di poco il punto percentuale.

Si tratta di numeri sino ad oggi inediti frutto dell’aggregazione di dati presenti ma ancora non elaborati ai fini di una lettura complessiva del Terzo Settore reggiano.
Quella presentata martedì alla sala convegni della Fondazione Manodori è la prima fase di un progetto articolato che nel prossimo autunno riuscirà a fornire e mettere in rete numeri che stanno confluendo nel nuovo data base di cui si è dotato questo importante studio, il primo di questa portata a livello nazionale, che vede la città del Tricolore capofila regionale.

Il nuovo strumento sarà visitabile grazie a un portale Internet dedicato e, per cooperative e associazioni, aggiornabile in tempo reale nei parametri fondamentali per offrire una carta di identità virtuale delle organizzazioni. Oltre alla funzione osservativa il portale servirà per la rielaborazione e la promozione delle politiche di intervento su questo settore.

Il Coordinamento del Forum del Terzo Settore a Reggio Emilia si è costituito nel maggio 2008 attraverso un patto associativo tra organismi di rappresentanza del volontariato, dell’associazionismo e della cooperazione sociale. Acli, Confcooperative, Legacoop, Movimento del Volontariato e Uisp costituiscono il direttivo del coordinamento in rappresentanza di centinaia di associazioni e cooperative reggiane.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

2 Responses to A Reggio il no profit produce 144 milioni di euro

  1. Avatar
    giano 21 Giugno 2011 at 17:17

    ma la carbognani non lavora mai nella sua azienda?è sempre in giro a presenziare. proprio non capisco. anzi capisco che non è di sicuro una imprenditrice

  2. Avatar
    sconsolato 24 Giugno 2011 at 19:58

    la Carbogani è ubiqua.