HomePrimo pianoReggiana e Grissin Bon padrone a casa loro

Reggiana e Grissin Bon padrone a casa loro

festa_anastasiL’aria di casa sembra far bene a Reggiana e Grissin Bon. I granata di mister Battistini dimostrano di aversi già lasciato alle spalle la rumorosa e delicata vicenda-stadio superando con un netto 2-0 il Vicenza di Giovanni Lopez, una delle corazzate del girone A di Prima Divisione. Il protagonista della gara è stato, senza dubbio, Valerio Anastasi, autore della doppietta che ha regalato alla Reggiana il successo in casa dopo oltre tre mesi di digiuno e dopo il misero bottino di quattro sconfitte ed un pareggio ottenuto davanti al pubblico del Città del Tricolore (o Mapei Stadium se preferite). E dire che l’attaccante classe ’90 non era nemmeno nell’undici iniziale ma è entrato dopo soli 22 minuti di gioco al posto dello sfortunato Ruopolo (per lui nuovo problema muscolare) e senza nemmeno effettuare il classico riscaldamento prima del cambio; dopo un primo tempo in attesa, nella ripresa Anastasi ha trasformato in rete i precisi assist dei compagni con due imperiosi colpi di testa che non hanno lasciato scampo al portiere ospite ed è andato più volte vicino al terzo gol, risultando decisivo anche in occasione dell’esplusione del vicentino El Hasni (fallo da ultimo uomo proprio sull’attaccante granata), episodio che ha, di fatto, messo i titoli di coda alla gara.

La vittoria, però, è stata un successo costruito dallo stesso Battistini, bravo a capire le difficoltà della sua squadra – lenta e prevedibile per tutti i primi 45 minuti – e a porvi gli adeguati  rimedi. L’ingresso di un uomo in più in mediana (Cavion) ed il conseguente avanzamento di De Silvestro a fianco di Anastasi, ha permesso ai granata di aprire maggiori spazi nella retroguardia biancorossa e dare minor punti di riferimento ai difensori avversari puniti, dopo qualche minuto, proprio dai gol del centravanti di Battistini. Con questo risultato, la Reggiana torna a mettere un piede nella tanto agognata  zona play-off salendo al nono posto della classifica a quota 18 punti, uno in meno della squadra vicentina. L’aspetto più positivo, però,  è che i granata – dopo i terribili mesi di Ottobre e Novembre – sembrano aver trovato una certa costanza nei risultati, ottenendo 8 dei 12 punti disponibili nelle ultime quattro giornate di campionato. Ad Alessi e compagni, ora, non resta che chiudere nel migliore dei modi il girone d’andata vincendo in trasferta sul campo del Feralpi Salò, formazione giovane ma che ha dato del filo da torcere a moltissimi avversari.

1Dell’aria di Reggio, invece, sembra proprio non farne a meno la Grissin Bon di coach Menetti vittoriosa, per la quinta volta consecutiva davanti al proprio pubblico, nell’anticipo di sabato sera contro la Vanoli Cremona. I biancorossi  si sono imposti per 93-75 sulla malcapitata formazione di coach Pancotto che ha subito l’iniziativa di Cinciarini e compagni per quasi tutta la durata della gara, cedendo definitivamente poco dopo la mezz’ora sul +23 Reggio Emilia, quest’ultima trascinata dai soliti Bell e White. Il primo è stato il top scorer della gara con 24 punti realizzati mentre il secondo si è dimostrato un implacabile cecchino con l’89% di realizzazione dal campo e 6 rimbalzi che si vanno ad aggiungere ai 20 punti segnati sul parquet di gioco.

La partita contro Cremona era molto attesa dal pubblico reggiano, ansioso di vedere all’opera fin da subito l’ultimo arrivato in casa biancorossa, il fuoriclasse lituano Rimantas Kaukenas (che ha portato al taglio del deludente Coby Karl) il quale ha deciso di rimettersi in discussione nel paese che sportivamente gli ha dato di più. La guardia classe ’77 ha esordito con una buona prestazione aiutando i compagni nel momento più difficile della gara e chiudendo il proprio score personale a quota 9 punti, tanto è bastato alla Grissin Bon per ottenere la quinta vittoria casalinga in altrettante gare. I biancorossi restano in piena corsa play-off ma Menetti dovrà risolvere l’evidente differenza di prestazioni tra le partite giocate al Palabigi e quelle giocate in trasferta per riuscire a portare nuovamente Reggio tra le migliori otto squadre del basket italiano.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.