HomePrimo pianoLa Reggiana vince al 90°. Grissin Bon nuovamente sconfitta

La Reggiana vince al 90°. Grissin Bon nuovamente sconfitta

logoRR2Alla fine, Battistini e la Reggiana devono ringraziare un giovane attaccante del ’94 per poter dare ancora un senso alla loro poco esaltante e traballante stagione. I granata impiegano ben 92 minuti per avere ragione della modesta Carrarese, peggior difesa del campionato e a secco di vittorie da oltre tre mesi; a risolvere la partita che poteva decidere il futuro del tecnico romano è stato Davide Cais, attaccante 19enne di proprietà dell’Atalanta il quale, ad un solo giro d’orologio dal fischio finale, scaglia un potente destro sotto la traversa della porta difesa da Calderoni e regala alla Reggiana tre punti che le permettono di rimanere attaccata con le unghie al treno play-off, in una giornata in cui le dirette avversarie vincono praticamente tutte. Fino a quel momento, il pubblico del “Città del Tricolore” si era visto passare davanti il solito dejà-vu: Reggiana dal buon gioco, sicura e attenta in difesa ma inconcludente e parecchio imprecisa in attacco e che nei primi quarantacinque minuti era riuscita a fallire per ben due volte  il gol del vantaggio a tu per tu con il portiere avversario (prima con De Silvesto e poi con Anastasi). Il passare dei minuti ha reso ancor più difficile il compito ai granata con la porta ospite che sembrava rimpicciolirsi di pari passo allo scorrere dei minuti e nemmeno l’inserimento di Alessi (partito nuovamente dalla panchina) e Ruopolo (al rientro dopo oltre un mese) sembrava poter risolvere una partita che la Reggiana, fino a quel momento, aveva fatto di tutto per non vincere. E invece, a tempo scaduto, è arrivata la zampata del giovane Cais, entrato a metà ripresa al posto di Anastasi ed utilizzato fino ad oggi con il contagoccie da parte di Battistini, che ha regalato alla Reggiana tre punti d’oro in chiave play-off e, soprattutto, ha scacciato tutti i fantasmi di un probabile esonero dello stesso tecnico granata, sempre più in crisi di risultati ma con l’intero gruppo – società compresa – dalla sua parte. Con questa vittoria, Alessi e compagni salgono a quota 22 punti in classifica rimanendo a quattro lunghezze dall’ultimo posto valido per giocarsi gli spareggi di fine campionato; dal mercato difficilmente arriveranno rinforzi e Battistini dovrà puntare tutto sulla forza e sulle motivazioni del suo gruppo per poter raggiungere un traguardo che, nel corso della stagione, si è fatto via via sempre più difficile da ottenere.

Nuovo stop, invece, per la Grissin Bon di Max Menetti che subisce la terza sconfitta nel giro di una settimana tra campionato e coppa. I biancorossi si arrendono 65-55 sul campo dei campioni d’Italia della Montepaschi Siena, in crisi di risultati dopo l’addio di Daniel Hackett, ma che riescono a ritrovare la vittoria dopo le sconfitte esterne contro Milano e Cremona disputando una efficacissima seconda parte di gara e limitando il quintetto reggiono a soli venti punti negli due ultimi quarti. La Grissin Bon gioca i primi venti minuti da applausi guidata dai punti e dalle giocate dei soliti White (12 pt), Kaukenas(15) e Cinciarini (13) e bloccando letteralmente l’attacco toscano, limitato a soli 26 punti nel primo tempo di gara; come contro Varese, però, i biancorossi non danno continuità al loro gioco e subiscono la rimonta dei padroni di casa che, nel terzo quarto, firmano un parziale di 22-9 che ribalta completamente le sorti del match. Cinciarini e compagni perdono diversi palloni (13 a fine gara) e si spengono sotto tutti i punti di vista mettendo in evidenza un forte problema di tenuta (più mentale che fisica) che li ha portati a subire già diverse sconfitte in rimonta e al quale Menetti dovrà porre un tempestivo rimedio. I biancorossi rimangono ancorati alla zona play-off ma subiscono l’ennesima sconfitta al di fuori del Palabigi (l’unica vittoria a Pesaro) e dovranno ripartire già dall’impegno di martedì in Euro Challenge per evitare che questa piccola crisi di risultati si trasformi ben presto in un problema ben più grande.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.