La Reggiana crea e disfa: con il Pavia è una grande occasione persa

Il rigore trasformato da Alessi

Il rigore trasformato da Alessi (Foto Artioli)

Per una domenica, il pubblico del Città del Tricolore (sponda granata) è tornato a vivere un pomeriggio di emozioni anche se, alla fine, il risultato è il solito ed ennesimo boccone amaro. La Reggiana non va oltre il 2-2 casalingo contro il fanalino di coda Pavia e, in virtù degli altri risultati di giornata, può solo mangiarsi le mani per non aver saputo trovare la vittoria contro i lombardi ultimi in classifica. Nella terz’ultima giornata di campionato, infatti, cadono sia l’Albinoleffe che il Venezia, le due squadre che occupano attualmente le ultime posizioni valide per accedere ai play-off di fine stagione con i granata che, in caso di vittoria, si sarebbero trovati a quattro punti dal tanto agognato obiettivo stagionale con ancora due partite da disputare. L’undici di Montanari non è stato in grado di conquistare la terza vittoria consecutiva della sua stagione contro una delle squadre più deboli del torneo, passando in vantaggio per ben due volte e venendo rimontata in entrambe le occasioni; ad Alessi (rigore) ed Anastasi hanno risposto i gol di Speziale e Carraro che hanno permesso ai lombardi – autori di un’ottima partita – di raccogliere un punto prestigioso in questa loro disastrosa stagione.

La Reggiana, invece, fa un ulteriore passo indietro rispetto alla gara vinta contro il Lumezzane non mettendo in campo la concentrazione e la determinazione vista nelle ultime uscite e risultando parecchio imprecisa nei passaggi e disattenta in fase difensiva; nemmeno l’infortunio occorso a De Giosa al quarto d’ora della ripresa può essere preso come alibi da Alessi e compagni, i quali hanno concesso troppo facilmente la via della rete ai modesti avversari (secondo peggior attacco del campionato) rischiando di subire addirittura il colpo del ko a pochi minuti dal fischio finale. Ai granata, in particolare, va imputato il fatto di essersi adagiati troppo dopo entrambi i vantaggi acquisiti e di non aver chiuso la gara nel momento decisivo (Anastasi fallisce clamorosamente l’occasione del 3-1 poco prima del nuovo pareggio di Carraro). Pesantissime le parole al termine della gara di mister Montanari, il quale non nasconde l’amarezza di aver perso una grandissima occasione: “E’ stata una prestazione orrenda. Nessuno, dal primo all’ultimo sceso in campo, ha reso come doveva e non ci sono giustificazioni nè tante parole per descrivere quello che è successo. Abbiamo sprecato un’enorme possibilità di avvicinarci ai playoff, evidentemente non siamo una squadra in grado di mantenere la concentrazione e la determinazione utili per vincere“. Della serie che, in fondo fondo, anche il tecnico succeduto a Battistini credeva in una rimonta che, solamente qualche domenica fa, agli occhi di tutti sembrava impossibile ma che la Reggiana stessa avrebbe potuto rendere oggi ancora possibile…

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS