Governo e riforme: ultima chiamata

Innanzitutto una parabola positiva: il governo Monti viene consegnato per sempre alle pagine di storia anche se l’effetto devastante delle sue semplicistiche scelte “tassa e via” continuerà purtroppo a minare e a lungo l’attualità di cerca di tirare a campare.

Il primo vagito del neo governo Letta è di quelli di difficile interpretazione; il ringiovanimento degli uomini e delle donne dell’esecutivo è evidente ma è altrettanto evidente che le parziali novità restano il frutto di logiche vecchie. Le larghe intese sono nate all’alba o quasi della Repubblica. E in mezzo ad esse germogliano purtroppo le volontà assopite di riforme. Le larghe intese in genere nascono non per slancio innovativo ma per disperazione. E per mancanza d’alternativa.

In genere, dicevamo. A due mesi dalle elezioni e dopo aver forzato la tradizione del Quirinale riproponendo sulla poltrona il Presidente uscente, il Paese si trova ancora in una situazione drammatica sul fronte economico, sociale e politico. Il neo governo Letta, prima della dissoluzione, dovrà fare poche, imprescindibili cose: dimezzare il Parlamento, azzerare i finanziamenti pubblici ai partiti, cambiare la legge elettorale e dare mano e cercare di invertire il trend socio-economico.

Graziano Delrio è dunque nella rosa Letta e in qualche modo ha già fatto sapere che resterà anche primo cittadino di Reggio; il che significa che il comune capoluogo non avrà un sindaco per i prossimi 12 mesi o giù di lì. Si apre così un vuoto politico-istituzionale impossibile da colmare.

Da tempo i media locali si stavano cimentando nelle ipotesi più assurde sul ruolo di Delrio, a partire dal suo ipotetico premierato, ipotesi credibile come quella (sempre tratteggiata dai Cugini La Bufala) della Presidenza della Repubblica a Pierluigi Castagnetti. Niente di nuovo: gli sdilinquimenti eterodiretti sono materia comune nel giornalismo: adesso però c’è materia su cui riflettere e magari far riflettere: Reggio può permettersi l’assenza di una guida amministrativa?

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS