HomePrima paginaStagione recordLa Trenk sbanca Caserta e ai play-off si regala Roma

Stagione record
La Trenk sbanca Caserta e ai play-off si regala Roma

Non sarà stata la miglior Trenkwalder della stagione (anzi forse una delle più brutte) ma ciò che conta, alla fine, è sempre il risultato. I biancorossi di coach Menetti chiudono con una vittoria quella che passerà alla storia come la stagione dei record della Pallacanestro Reggiana (36 punti in regular season) e si qualificano con grande merito ai play-off di fine stagione, dove incontreranno l’Acea Roma del neo MVP Luigi Datome. Taylor e compagni hanno sudato, però, le classiche sette camicie per avere la meglio sulla Juve Caserta, formazione che non aveva più nulla da chiedere al suo altrettanto straordinario campionato, chiuso con la conquista di una salvezza non così certa ad inizio stagione; coach Sacripanti – terzo miglior allenatore della stagione alle spalle proprio di Menetti – concede la passerella ai più giovani e la Trenk non impiega più di tanto a prendere in mano le redini del gioco salendo subito 12-2 dopo pochi minuti e chiudendo in maniera fin troppo agevole il primo quarto 25-15, trascinata da un caldissimoTaylor (13 pt solo nel primo periodo) che alla fine conquisterà il titolo di top scorer della lega. A causa forse dei toni fin troppo soporiferi della gara, Reggio stacca letteralmente la spina e sparisce dal terreno di gioco per tutto il secondo quarto permettendo a Caserta di tornare sotto a metà periodo e di ribaltare totalmente il punteggio poco prima del riposo lungo grazie agli ispirati Jelovac(23) e Mordente (15) ma soprattutto ai numerosi rimbalzi catturati sotto canestro (26 a 12 il dato eloquente del primo tempo) che hanno fatto infuriare lo sconsolato Menetti, preoccupato nel rivedere la squadra disattenta e imprecisa della gara di sette giorni fa persa al Palabigi contro Cremona.

Fortunatamente, al ritorno dagli spogliatoi, i biancorossi tirano fuori la loro arma migliore – la difesa – e nonostante le continue imprecisioni in fase offensiva concedono solamente dieci punti ai padroni di casa nel terzo periodo, trovando in Bell e Cinciarini i terminali offensivi che fanno volare Reggio avanti di cinque lunghezze prima dell’inizio dell’ultima frazione di gioco. La Trenkwalder si affida come sempre ai suoi uomini migliori, tocca il +10 a cinque minuti dalla sirena finale ma deve fare i conti con una rediviva Caserta, la quale non sembra intenzionata ad agevolare il compito al quintetto di coach Menetti  e recupera nuovamente lo svantaggio grazie a diversi tentativi dalla lunga distanza arrivando sino al -2 a 49” dalla fine. Sarà un’interminabile lotteria dei tiri liberi a decretare la vittoria per Taylor e compagni, oggi sicuramente non all’altezza della miglior Trenkwlader vista lungo tutto l’arco della regular season; d’altronde i play-off erano già in cassaforte da tempo e la gara di oggi doveva solamente decretare la sfidante della Trenkwalder nella post-season che partirà giovedì prossimo, proprio con la gara tra i biancorossi e i capitolini di coach Calvani. La sfida, da quest’anno, sarà al meglio delle sette partite, sette finali che Reggio non dovrà certo affrontare con l’atteggiamento delle ultime due partite se non vorrà concludere nel peggiore dei modi questa sua fantastica stagione.

 

JUVE CASERTA – TRENKWALDER RE  77-80 (15-25; 41-39; 51-56)

Caserta: Maresca 15, Jonusas ne, Mordente 15, Marzaioli 0, Marini ne, Salzillo ne, Michelori 5, Mavroeidis ne, Sergio 7, Gentile 12, Cefarelli 0, Jelovac 23

Trenkwalder: Jeremic 0, Taylor 18, Brunner 7, Antonutti 4, Bell 11, Veccia ne, Filloy 9, Slanina 12, Cervi 0, Silins 0, Cinciarini 19

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.