Sogno play-off
Trenkwalder forza 100. Anche Montegranaro finisce ko

Se la Reggio calcistica pare sprofondare sempre più in basso, quella della palla a spicchi continua a vivere un sogno dal quale non vuol essere più svegliata. La Trenkwalder Reggio Emilia ottiene infatti la quinta vittoria consecutiva del proprio girone di ritorno superando, davanti all’ennesimo tutto esaurito del Palabigi, la Sutor Montegranaro di coach Recalcati e arrivando a toccare addirittura quota 100 punti nel risultato finale. I biancorossi, favoriti alla vigilia, non hanno deluso le attese dei tantissimi tifosi che ancora una volta hanno gremito gli spalti del palazzetto di via Guasco ‘sonnecchiando’ un po – a dire il vero – nei primi venti minuti di gioco ma innestando la marcia decisiva nel terzo quarto grazie ad un perentorio parziale (15-2) che ha permesso a Taylor e compagni di superare gli ospiti e di non mollare più la testa della gara fino al suono della sirena finale. Eppure il quintetto marchigiano è riuscito a dare parecchio filo da torcere a Reggio in un primo tempo si equilibrato ma anche parecchio divertente e spettacolare con le squadre attente a privilegiare l’attacco rispetto alla difesa e le statistiche che, dopo venti minuti, sottolineavano anch’esse l’equivalenza dei valori con gli ospiti comunque quasi sempre avanti trascinati da Burns e Campani.

Al rientro dagli spogliatoi, però, i biancorossi ristabiliscono da subito la parità volando in meno di tre minuti ad un’incredibile +8 massimo vantaggio grazie alla solita grande intensità difensiva e trascinati da un ridestato Taylor, svegliatosi solamente sul finire della seconda frazione di gioco dopo 15 minuti senza la miseria di un canestro segnato. Tornata avanti, Reggio si rilassa un attimo prima dell’ultimo riposo ma riprende a colpire la malcapitata difesa avversaria ad inizio dell’ultimo quarto grazie ad uno scatenato Troy Bell che, in assenza di Taylor, decide di prendersi tutta la scena e conduce i biancorossi al primo doppio vantaggio con gli ospiti che, incapaci di prendere efficaci contromisure e non più infallibili come nella prima parte di gara, alzano ben presto bandiera bianca finendo per subire la bellezza di 58 punti nei secondi venti minuti di gioco. Alla fine, Reggio porta a referto ben sei giocatori in doppia cifra mostrando ancora una volta una grandissima intesa di squadra ed una difesa solidissima non lasciando scampo nemmeno ad una formazione dall’ottimo potenziale offensivo come quella guidata da coach Recalcati. Il sogno play-off, insomma, è sempre più vivo grazie anche alle concomitanti sconfitte di Venezia (in casa contro Milano) e di Brindisi (a Pesaro) che lasciano i biancorossi saldamente al settimo posto in classifica a +6 dai pugliesi, gli unici che potrebbero togliere alla truppa di coach Menetti un traguardo praticamente inarrivabile solamente due stagioni fa.

TRENKWALDER RE – SUTOR MONTEGRANARO  100-83 (21-24; 42-47; 65-60)

Trenkwalder: Jeremic 13, Taylor 11, Brunner 15, Antonutti 14, Bell 26, Veccia 0, Filloy 0, Slanina 3, Cervi 1, Silins 6, A.Cinciarini 11

Montegranaro: D.Cinciarini 9, Panzini 0, Perini ne, Slay 8, Campani 17, Di Bella 7, Johnson 11, Freimanis 0, Burns 22, Amoroso 9

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS