HomeAttualitàRuby bis: sette anni a Fede e Mora, 5 alla Minetti

Ruby bis: sette anni a Fede e Mora, 5 alla Minetti

Ruby bis: sette anni a Fede e Mora, 5 alla MinettiA 26 giorni dalla condanna a 7 anni di Silvio Berlusconi per concussione e prostituzione minorile, è arrivata anche la sentenza per coloro che secondo la procura erano gli organizzatori delle feste di Arcore: Emilio Fede e Lele Mora sono stati condannati a 7 anni di reclusione, Nicole Minetti a 5 per favoreggiamento della prostituzione. Il tribunale di Milano ha inoltre disposto l’interdizione perpetua dai pubblici uffici per Fede e Mora, e l’interdizione per 5 anni per la Minetti. Il procuratore aggiunto Piero Forno e il sostituto Antonio Sangermano avevano chiesto sette anni di carcere e l’interdizione dai pubblici uffici per tutti e tre gli imputati.

Lele Mora è stato condannato per favoreggiamento e induzione alla prostituzione, anche minorile, e gli sono state riconosciute le attenuanti generiche. Emilio Fede è stato condannato per favoreggiamento e induzione alla prostituzione delle ragazze maggiorenni mentre è stato assolto dall’induzione e dal favoreggiamento della prostituzione di Ruby. Gli è stato invece contestato il reato di favoreggiamento della prostituzione minorile. Nicole Minetti è stata condannata per favoreggiamento alla prostituzione delle maggiorenni, assolta, per non aver commesso il fatto, per l’induzione alla prostituzione delle maggiorenni e assolta, per non aver commesso il fatto, per quanto riguarda il favoreggiamento e induzione alla prostituzione di Ruby.

Nicole Minetti, è “soddisfatta” per l’assoluzione da tre capi di imputazione e allo stesso tempo è “stupefatta per la pena eccessiva”. Lo hanno riferito i suoi legali che l’hanno sentita al telefono.

“Comunque decida la corte ho dato mandato al mio legale di procedere per calunnia aggravata nei confronti di Chiara Danese, Ambra Battilana e Imane Fadil”. E’ quanto ha comunicato con una nota Emilio Fede poco prima della lettura della sentenza.

“Chiederò inoltre – ha aggiunto Fede – che sia chiamato il teste Daniele Salemi a dire quello che avrebbe dovuto dire ma si è avvalso della facoltà di non rispondere, sulla vicenda di Chiara e Ambra..”. “Chiederò anche – ha concluso l’ex direttore del Tg4 – che si proceda in tempi rapidi con una rogatoria per capire che cosa è accaduto nell’agenzia della Bsi di Lugano dove venivano gestite le operazioni finanziarie di Lele Mora e dei suoi diretti collaboratori”.

“Ho rispetto per la giustizia. Non sono stato presente in aula, per evitare quel triste spettacolo rappresentato dalla morbosa curiosità”, ha dichiarato Fede.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.