HomeAttualitàL’Olanda resta liberale: secondo mandato per Rutte

L’Olanda resta liberale: secondo mandato per Rutte

fotoa3_2257-krpd-u1070604232596lgc-1024x576lastampa-it

Strage di via Fani: 16 marzo 1978

In Olanda vince, ma in calo, il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (VVD) del premier liberale, Mark Rutte che si avvia quindi a un secondo mandato, mentre non sfondano i populisti di estrema destra del Partito per la Libertà (PVV) di Geert Wilders che però pur aumentano i seggi.

Per i Paesi Bassi si prevede un nuovo governo di coalizione, ma partner principale dei liberal non saranno più i laburisti del PvdA, in caduta libera. Risultati positivi per Appello Cristiano Democratico (CDA) e Democratici 66, ma anche per i Verdi di sinistra, del giovane leader Jesse Klaver.

Forte l’affluenza alle urne con la partecipazione dell’81% degli aventi diritto. Cinque anni fa, alle ultime elezioni politiche, l’affluenza era stata del 74,6%.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.