HomeAttualitàRischio bollette per l’affaire Livorno. Ma Iren smentisce

Rischio bollette per l’affaire Livorno. Ma Iren smentisce

Mentre arriva nelle case degli utenti l’ultima raffica di bollette, la Tares, con maggiorazioni (dipende dai comuni) anche del 200%, un’ulteriore giro di vite sulle gabelle dei servizi della multiservizi rischia di abbattersi sui cittadini. Causa l’affaire del rigassificatore Olt di Livorno, cui Iren partecipa per quasi il 47%.

La stampa specializzata infatti in questi giorni ha scritto a più riprese (mentre l’impianto è ancora in fase di collaudo) di come i costi previsti stiano letteralmente lievitando: dagli iniziali 400 milioni agli attuali, probabili 850 milioni di euro. Una cifra più che raddoppiata e che andrebbe inevitabilmente a gravare sul gruppo già sostanziosamente indebitato.

masini e viero

Sonia Masini “bacchetta” Andrea Viero sui mega stipendi

I piccoli azionisti di Iren, guidati da Francesco Fantuzzi, si sono già mobilitati chiedendo ai vertici della multiservizi un pronunciamento sulla  vicenda; il rischio concreto è infatti, vista la contrazione del mercato dei consumi, che arrivi l’ennesima addizionale sulle tariffe. Una preoccupazione campata per aria? Mica tanto visto che il socio paritario di Iren, E.ON ha già chiesto il ripristino del sistema di garanzie (leggasi bollette più salate). Richiesta su cui è attesa a breve una risposta del Ministero dello Sviluppo economico.

Non si è fatta attendere la risposta della multiutility al nostro servizio: dall’ufficio stampa fanno sapere che non ci sarebbe alcun rischio di rincaro sulle tariffe dei servizi. Primo perché i costi del “bombolone” livornese seppur lievitati sarebbero già coperti è non andrebbero ad incidere sulle bollette. Secondo perché il Ministero sta valutando il sistema di garanzie a livello generale e non sul caso specifico. Per un rigassificatore in più, potrebbe essere dismesso un impianto vecchio senza dunque alcuna manovra aggiuntiva sulle utenze dei cittadini (e comunque l’eventuale aggiunta sarebbe spalmata su tutti gli italiani e non solo quelli servizi da Iren).

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.