HomeAttualitàProdi pontifica coram populo pro federazione Ulivo

Prodi pontifica coram populo pro federazione Ulivo

trump“Quella del centrosinistra unito non penso sia un’esperienza irripetibile. Non penso sia irripetibile, soprattutto dopo quello che sta succedendo. Io vedo che la gente ha bisogno di sentirsi unita in questo mondo che si disgrega, con Trump, con la Brexit, con le crepe che arrivano dappertutto. Io vedo che c’è un naturale desiderio di riunirsi ma è uno sforzo che non mi sembra impossibile”. Romano Prodi parla a Bologna ed entra nel dibattito che si sta sviluppando nel Pd e nel centrosinistra. Prodi appare preoccupato dal discorso di insediamento di Donald Trump. “Io lo interpreto subito – ha aggiunto – come una necessità dell’Europa di mettersi assieme perché di fronte a un’America che vuole rompere i rapporti, a un’America che mette muri è chiaro che noi o siamo uniti o finiamo male”.

La_notte_dei_senatori_a_vita_viventiQuanto all’Italia per Prodi, è necessario “riunirsi su delle idee, su un rinnovamento. Perché riunirsi per riunirsi non serve e niente. Il grande problema è ricominciare a parlare di politica. Di problemi veri come la distribuzione del reddito, l’occupazione, la scuola, pensare nel lungo periodo e non nello scontro quotidiano per riformare una società che è diventata profondamente ingiusta. Perché le basi di queste tensioni – ha concluso – sono date dall’ingiustizia”.

Parlando del Pd il padre nobile dell’Ulivo è netto: “Se il Partito democratico non cambia concretamente e con saggezza, rischia di prendere il sopravvento l’irritazione”. “Io non parlo” delle vicende attuali” del Pd. Ho detto solo – ha precisato Prodi – che c’è questo grande desiderio di cambiamento, ma di un cambiamento concreto e reale, un cambiamento nella saggezza e non nell’irritazione. Se non facciamo il cambiamento arriva l’irritazione”.

(la Repubblica online)

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.