Inceneritore di Parma, il Comune minaccia sanzioni

Inceneritore di Parma, il Comune minaccia sanzioniNuova puntata della guerra fredda tra Comune a 5 stelle e Iren Ambiente sull’inceneritore di Ugozzolo. Stavolta tocca all’amministrazione grillina, che il 13 giugno ha inviato alla multiutility la comunicazione in cui annuncia l’avvio di un “procedimento sanzionatorio relativo alla realizzazione dell’inceneritore di Ugozzolo, ritenendo decaduto il permesso di costruire in data 22/10/2011 o, a tutto voler concedere, in data 23/02/2013, ritenendo pertanto che i lavori stiano procedendo in assenza di titolo edilizio”.

Nel procedimento, inviato per conoscenza anche alla Provincia di Parma, si comunica ad Iren Ambiente che “vi sono sette giorni di tempo per presentare memorie scritte e documenti, allo scadere dei quali il Comune deciderà in base agli elementi raccolti, i provvedimenti conseguenti da adottare”.

E’ il secondo provvedimento amministrativo del Comune con cui si tenta di bloccare il forno inceneritore, dopo l’esposto per abuso edilizio inviato in procura più di un mese fa. L’impianto, nel frattempo, è quasi terminato e ha già avviato dal 29 aprile scorso le procedure preliminari di accensione che dovrebbero portarlo a pieno regime il mese prossimo. Ora bisognerà vedere se i provvedimenti del Comune saranno sufficienti e se siano arrivati per tempo.

L’unica certezza, al momento, è che il procedimento sanzionatorio giunge proprio alla vigilia della manifestazione nazionale contro gli inceneritori che si terrà a Parma sabato 14.

Simone Aiolfi

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS