HomeLavoroLa Goldoni rilancia puntando sull’innovazione

La Goldoni rilancia puntando sull’innovazione

“Da tempo stiamo seguendo da vicino la vicenda dell’azienda Goldoni che ha avviato un piano di ristrutturazione produttiva e organizzativa, con il coinvolgimento in questo processo dei lavoratori, attraverso le proprie rappresentanze sindacali, delle istituzioni locali, provinciali e della stessa Regione. A fronte di paventati rischi di delocalizzazione o decentramento produttivo, i diversi incontri svoltisi nei mesi scorsi in sede regionale, di cui l’ultimo solo pochi giorni fa, hanno permesso di chiarire meglio le strategie aziendali e fugare ogni timore generato da notizie infondate. I vertici aziendali hanno infatti confermato la volontà di investire in innovazione e miglioramento dell’organizzazione lavorativa, anche con l’obiettivo di ottenere la certificazione ambientale sulla filiera produttiva, nonché l’impegno ad incrementare nei prossimi anni le maestranze, soprattutto per quanto riguarda figure specializzate nel controllo qualità e competenti con l’evoluzione normativa europea in materia”.

E’ quanto afferma il vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia, Pierluigi Saccardi, in merito alla situazione della ditta Goldoni Spa di Carpi, che produce macchine agricole e che occupa, tra gli oltre 300 dipendenti, diversi lavoratori che risiedono nel comune di Rio Saliceto, garantendo lavoro all’indotto dello stesso territorio,

“A fronte di tante aziende in difficoltà che quotidianamente seguiamo per l’attivazione di ammortizzatori sociali spesso destinati a produrre riduzioni di organico – continua il vicepresidente Saccardi – ci sembra doveroso sottolineare come diverse aziende del nostro territorio, come la Goldoni, dimostrino ancora una forte volontà di innovazione produttiva e di caparbia convinzione di poter uscire a testa alta da questa situazione di crisi prolungata che sta mettendo a dura prova il nostro tessuto produttivo, ma sta anche dimostrando il valore della condivisione delle scelte tra imprenditori, lavoratori e istituzioni, che intendono così rispondere alle sfide future e al rilancio dell’economia locale”.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.