HomeLavoroCoopselios, accordo di solidarietà tra azienda e sindacati per regolamentare la donazione di ore di ferie e permessi tra i soci e i lavoratori

Coopselios, accordo di solidarietà tra azienda e sindacati per regolamentare la donazione di ore di ferie e permessi tra i soci e i lavoratori

La Direzione generale del Gruppo Coopselios, società cooperativa leader nei servizi alla persona che,
con oltre 3.500 tra dipendenti e soci, gestisce 250 servizi nei settori socio-sanitario e dell’educazione
per la prima infanzia, ha siglato un accordo, con le principali sigle sindacali, per regolamentare la
donazione di ore di ferie, permessi e banca ore tra lavoratori.

Giovanni Umberto Calabrese, presidente Coopselios

L’accordo per la solidarietà tra i lavoratori di Coopselios ha carattere sperimentale per la durata di
un anno e potrà essere sottoposto a limature e piccole revisioni, ma azienda e lavoratori auspicano
che ponga le basi di un accordo di settore da applicare su tutto il territorio nazionale.
La donazione di ore tra lavoratori, infatti, attualmente non è prevista nel contratto nazionale di
lavoro del settore e il testo dell’accordo è stato inviato a Roma, con il benestare delle
organizzazioni sindacali, per sollecitarne il riconoscimento e l’adozione a livello nazionale.

L’idea è nata dalla volontà della Cooperativa di poter donare in forma anonima parte del monte ore
di ferie, permessi e banca ore dei lavoratori ai colleghi con problematiche personali o di assistenza a
famigliari che necessitano di cure costanti per particolari condizioni di salute.
Una pratica già esercitata tra i lavoratori dell’impresa sociale di Reggio Emilia, che pone il rispetto
delle persone e l’attenzione alle fasce più deboli al centro della propria filosofia aziendale.
Questa forma di solidarietà si è presto propagata nelle diverse strutture della cooperativa – che ha
sedi in tutta Italia – per andare in aiuto ai colleghi che hanno esaurito tutte le ore di ferie e permessi
guadagnati nel corso dell’anno per assistere un familiare colpito da una grave malattia.

“Questo accordo dimostra che per noi Prendersi cura, di persona non è solo uno slogan, ma è il
fondamento del nostro agire – afferma Giovanni Umberto Calabrese, presidente di Coopselios – la
nostra missione è prenderci cura delle persone che ci vengono affidate e come impresa sociale
abbiamo lo stesso dovere di sostenere i nostri lavoratori quando si trovano in situazioni di difficoltà.
Questi gesti di solidarietà, di cui siamo grati e orgogliosi, ci confermano ancora una volta il senso
profondo dei valori che condividiamo con i nostri lavoratori”.

Coopselios non è nuova a iniziative a sostegno dei lavoratori in difficoltà. La cooperativa ha attivo da
tempo un Fondo Solidale per coloro che, a causa di una grave malattia, hanno superato i 180 giorni di
malattia nell’anno solare e che quindi, come previsto dal CCNL, non hanno diritto né allo stipendio né
all’integrazione della retribuzione da parte dell’Inps.

Nessun commento

lascia un commento