Terra dei cachi
Io, leopoldina tradita, abiuro il renzismo

Quando ancora Vanna Iori si faceva fotografare con Maria Elena Boschi…

Per chiarire.
In queste giornate e ore in cui le prese di posizione si susseguono sulla #uscita di Renzi dal PD, ritengo corretto e doveroso esprimere pubblicamente la mia posizione.
– Innanzitutto mi rammarica la decisione nei modi e nei tempi di questa separazione (anche se definita “consensuale”) perchè la frammentazione indebolisce il centrosinistra. Sempre. Mentre pluralismo e coesione sono una risorsa.
– Credo poi che in questo momento sia più che mai necessario evitare divisioni e conflitti dentro un partito che aveva dimostrato unità nella difficile costruzione dell’attuale Governo, che deve ancora iniziare a lavorare, tra molte fragilità e incertezze ben note.
– Infine solo un grande partito riformista come il PD, pur con tutti i suoi limiti, i suoi errori e i suoi travagli, può cogliere le sfide del presente, guardare con lungimiranza al futuro, combattere una battaglia democratica contro i sovranismi pericolosi che minacciano la nostra tenuta socio-economica e la nostra posizione in Europa.
Per queste ragioni, pur nel rispetto delle opinioni altrui, personalmente ritengo un grave errore la scelta di Renzi e sono molto preoccupata per le possibili conseguenze, ma continuerò a lavorare, come ho sempre fatto, con tutto l’impegno nel Partito democratico.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS