Madonnari
Aita! Salvini vuol fare l’anti-Papa

Volete sapere perché Matteo Salvini continua (per la verità solo da alcuni mesi, nei precedenti 20 anni della sua carriera politica non ne aveva infatti mai sentito l’esigenza) a esibire rosari e Madonne? Per due ragioni che non sono quelle che leggiamo nelle interviste di questi giorni

La prima: (c’entrano #Bannon e #Orban), una ragione politologica. Tutti gli studi recenti sul sovranismo/populismo sostengono che tale ideologia alla lunga regge solo se fondata su una chiara motivazione/identità religiosa.

La seconda: una ragione di sociologia ecclesiale più che religiosa. Salvini pensa (e teme), infatti, che il suo vero e ultimo avversario non sia nè #Grillo nè #Zingaretti, ma #PapaFrancesco. Non perché lo consideri un protagonista politico, com’è noto questo è il Papa più disinteressato alla politica italiana dei tempi moderni, ma perché lo considera – giustamente – rappresentante massimo della vera alternativa valoriale al sovranismo.

È l’antropologia cristiana per lui la cultura da abbattere. E sa che questa tensione fra lui e i principi umanistici cristiani alla lunga possono mettere in crisi una parte degli elettori cristiani della Lega. Per questo lui insiste a esibire i segni della fede cristiana, proprio perché vuole rassicurare i suoi elettori credenti ( i veri destinatari della sua esibizione), degli altri e delle gerarchie continuamente e inutilmente e quotidianamente intervistate sul tema, non gli importa assolutamente niente.
Ho detto la mia sul tema, d’ora in poi mi taccio, perché so bene che a parlarne continuamente rischiamo tutti di farci catturare dalla sua consapevole provocazione.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *