HomeInterventiLe piste ciclo e pedonali come paradigma dei nostri tempi: chissenefrega delle regole

Le piste ciclo e pedonali come paradigma dei nostri tempi: chissenefrega delle regole

Ingresso pedonale Tribunale

Ingresso pedonale al Tribunale

Tema: le piste ciclo e pedonali. Che, attenzione, sono una cosa diversa da quelle ciclo-pedonali. Le ciclo e pedonali hanno due zone ben distinte, di colore diverso, una per le bici e l’altra per i pedoni. Le ciclo-pedonali invece no, sono le “tutti insieme appassionatamente”.

Torniamo al tema: le piste ciclo e pedonali (vedi sottopasso stazione o collegamento Tribunale-Farmacia Notturna, per intenderci). Svolgimento: perché? Senza generalizzare, perché buona parte dei pedoni utilizza la corsia riservata ai ciclisti, e buona parte dei ciclisti utilizza la corsia riservata ai pedoni? Colori diversi, addirittura i disegnini a terra: omino uguale pedone, bicicletta uguale ciclista. Più la segnaletica orizzontale: da una parte l’omino, dall’altra la bicicletta. A prova di stupido. A prova di incomprensione linguistica, dato che di simboli si tratta. Ma poi perché all’interno della corsia pedonale e di quella ciclistica non rispettiamo il senso di marcia? Perché non teniamo la destra nella nostra striscia di competenza?

C’è qualcosa che non sappiamo, c’è qualcosa di oltremodo complicato? Siamo semplicemente tutti rincoglioniti? Perché se siamo in due, tre, stiamo al pari, “chiudendo” il passaggio a tutti e buona lì?

StazioneCos’è che ci sfugge?

Nella pista ciclo-pedonale, la “mix-zone”, va pure peggio: è un far west, lì è un “si salvi chi può” ed è tutto valido, la convivenza si traduce in un “mors tua vita mea”, ovvero “passo io prima che passi tu, costi quel che costi”. E se ti capita di incrociare un passeggino con famiglia al seguito, non resta che il segno della croce.

Di ben altre faccende c’è da occuparsi, non sono certo questi i problemi seri di Reggio Emilia e più in generale della società. Però le piste ciclo e pedonali ci paiono un bel paradigma dei nostri tempi. Cos’è: non vale per noi bici di qua e omino di là? Vale ma se siamo da soli chissenefrega, anche se poi nemmeno ci sfiora l’idea di guardarci alle spalle, per vedere se arriva qualcuno? O semplicemente in classifica veniamo prima noi…poi, ben staccato, tutto il resto del mondo?

 

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.