HomeInterventiImu: dagli alla formica

Imu: dagli alla formica

ImuVoi dite: facciamo pagare i ricchi.

Ok, ma se uno è ricco perchè si è fatto il mazzo lavorando 20 ore al giorno senza mai andare in vacanza, prendendo sempre la birra piccola anzichè la media per risparmiare, rinunciando a fare tanti figli per poter avere più agio personale (è egoistico ma ci sta), non sprecando i suoi risparmi ma anzi gestendoli con parsimonia e giudizio dall’inizio ad oggi – ed oggi questo ha investito mettiamo in 3 appartamenti che dà in affitto per avere una rendita privata al posto o in aggiunta alla rendita da pensione INPS, disastrosa per tutti noi.

Se un altro invece è stato un perfetto imbecille tutta la vita, non ha mai combinato niente di buono, i soldi li ha sprecati buttandoli in cose inutili e quindi oggi non ha risparmi e appartamenti.

Mi spiegate perchè ritenete logico ed equo tartassere il primo, che invece a mio parere rispetto al secondo, andrebbe premiato?

Sia il primo che il secondo usano gli sgarrupati servizi che il welfare state mette a disposizione (strade, sanità, asili, anagrafi, poste ecc) in ugual misura, solo che il primo avendo lavorato e risparmiato oggi ha tre case mentre il secondo essendo un fannullone incapace non le ha.

Mi spiegate perchè voi buonisti con poco senso critico, ritenete a priori che il primo vada strangolato anzichè premiato mentre il secondo sia una povera vittima che va sollevato dalle tasse?

Tra l’altro il capace, quello che oggi ha tre case, prima dell’IMU ha già pagato più tasse dell’incapace tre volte almeno: come tassa sul suo reddito (guadagnando di più ha pagato di più), come tassa sulla transazione mentre acquistava gli immobili, come minori benefici dal welfare (ad esempio se si iscrive all’università, non danno lo sgravio al capace mentre lo danno all’incapace squattrinato, se va dal dentista della mutua, non accettano il capace mentre accettano l’incapace che avendo sbattuto via i soldi o non essendo stato capace di farne per pigrizia od altro, oggi risulta avere un ISEE basso e quindi accesso a servizi a cui il capace parsimonioso non può accedere).

Vorrei che qualcuno smontasse il mio teorema, prima di parlare di IMU sulla seconda casa.

Lor Acolo

Ultimi commenti

  • uno con degli appartamenti ci paga delle tasse anche una quarta e quinta e sesta volta. la quarta se lo affitta, su quello che prende ci paga delle tasse, la quinta sulle utenze, devi tenere almeno il gas e l’elettricità attaccata e la fogna e i rifiuti e ci paghi le tasse, la sesta quando chiami della gente a fare dei lavori di mantenimento, quando li paghi ci paghi le tasse (sono tanti gli artigiani che fanno le cose in nero ma consideriamo il caso quando tutto è regolare). imu o non imu non lo so, ma certo che di soldi allo stato uno che ha investito in appartamenti gliene da gia.

  • Pienamente d’accordo.

    Tra l’altro a mio avviso gli immobili in Italia da almeno vent’anni non rendono una lira…
    Se la gente sapesse fare bene i conti delle tasse che paga, dei condomini morosi, delle riparazioni, ecc.

    L’IMU ha dato la botta finale, definitiva, gameover. Infatti l’edilizia italiana è finita.

    Ma ‘sti politici ladri e i VIP che godono l’IMU se ne fregano: tanto loro
    1. le case le comprano in svendita e magari
    2. gli fanno tenere una rendita catastale bassissima.

    Anche quelle al mare…

  • Ok ma qualcuno dovrà pur pagare. Se non facciamo pagare i piccoli risparmiatori, chi vogliamo far pagare, i rikkoni quelli davvero ricchi?

  • Questo Lor Acolo vorrei averlo tra i miei rubrichisti al posto del Donelli…

  • LE SECONDE CASE. Bella idea spostare l’IMU dalle prime case alle seconde case. Cosi’ chi ha risparmiato di piu’ per comprare una casa ai figli e’ di fronte alla simpatica alternativa: gliela intesto subito e poi prego che se la meriti, oppure pago una sberla di IMU seconda casa. Veri educatori.
    http://www.finanzaworld.it