Il Governo taglia 491 milioni per la sicurezza e lotta alla mafia

“Un governo che taglia sulla sicurezza dei cittadini e sulla lotta alle mafie dovrebbe essere accusato di favoreggiamento alla criminalità”. Mi ritrovo completamente nelle dure parole di Luigi Di Maio.

 

Se non ci credete bastano questi semplici numeri dei tagli nella legge di stabilità di Renzi. 1)Tagli di 12, 7 milioni al fondo straordinario del personale della polizia di Stato, 2) tagli di 87,6 milioni mila euro per la lotta alla delinquenza organizzata, 3) tagli di 317 milioni mila euro all’arma dei Carabinieri e alla tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica, 4) tagli di 190 ,3 milioni alla pianificazione e al coordinamento delle Forze dell’Ordine, al programma contrasto al crimine, alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. 5) Tagli di 1,895 milioni euro per spese di funzionamento della Direzione Investigativa Antimafia, 6) tagli di 138,9 milioni di euro alla prevenzione e soccorso.

 

Totale: 491,3 milioni in meno per la sicurezza dei cittadini.

 

Per una terra come la nostra, dove le mafie e soprattutto la ‘ndrangheta la fanno da padrone, questi tagli non sono assolutamente ammissibili; i cittadini hanno diritto di essere protetti e tutelati!

I tagli del governo Renzi sono davvero folli: nessun taglio agli sprechi ma una vera e propria intenzione ad indebolire il Paese che sarà sempre più allo sbaraglio. Già le Forze dell’Ordine versavano in una grave situazione, ora con questo governo abbiamo toccato davvero il fondo, se mai fosse stato possibile!

 

Chiedo ai cittadini di continuare a informarsi, affinché con il loro voto possano finalmente liberarsi da questi politici che non hanno assolutamente a cuore il benessere dei cittadini ma che rispondono a mere logiche di interessi del partito.

 

Ripeto, 491,3 milioni in meno per la sicurezza dei cittadini: una vera follia. Votiamoli via.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS