Gran premio della giuria a “J’accuse” di Polanski

Noi invece assegniamo d’ufficio il Leone d’Oro da Tastiera al décolleté dell’attrice francese Emmanuelle Seigner (moglie del regista) sfoggiato sul red carpet

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA – Leone d’oro a Joker, Gran Premio della giuria al J’accuse di Polanski, Coppa Volpi a Luca Marinelli e Premio Speciale a Franco Maresco. Il variopinto palmares di Venezia 76 mette d’accordo un po’ tutti senza troppe rivoluzioni dell’ultimo minuto. Decimo Leone d’Oro della storia ad una produzione statunitense (qui è una big, la Warner Bros.) per il film più cinecomic mai apparso a Venezia.

Anche il Lido insomma si piega ai supereroi (Joker è un personaggio DC Comics) e mette al secondo posto del podio il titolo più acclamato tra pubblico e critica: J’accuse di Roman Polanski, solida e curata spy story di fine ottocento sull’affare Dreyfus che raccoglie l’onorevole Gran Premio della giuria, riuscendo a far convogliare evidentemente anche i favori della riottosa presidente di giuria, Lucrecia Martel. (Il Fatto Quotidiano)

Il cast del film… con un’altra scollatura mozzafiato della Seigner

Melissa Satta sul red carpet di “J’accuse”

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *