HomeEventi“Innamorarsi della rossa” per sostenere il Grade

“Innamorarsi della rossa” per sostenere il Grade

Questo fine settimana torna a Cavriago la Fiera del Bue Grasso giunta alla sua 208ma edizione. Da venerdì 23 a domenica 25 non mancheranno le iniziative volte alla valorizzazione dei prodotti tipici, del mangiar bene e della nostra terra. A fare onore a questa edizione, oltre alla riscoperta delle tradizioni, vi è un’iniziativa benefica dal nome davvero curioso. Si chiama “Innamorarsi della Rossa” ma non pensate alla rivalità femminile con bionde e more… se no qualcuno potrebbe prendersela. Altro non è che il nome dell’evento promosso dal Consorzio Vacche Rosse, consorzio che si occupa del mantenimento e della valorizzazione delle tradizioni produttive e culturali del territorio reggiano.

Quest’anno il Consorzio ha pensato bene di organizzare una tre giorni di iniziative per sostenere il Grade Onlus Gruppo Amici dell’Ematologia, associazione senza scopo di lucro nata nel 1989 da pazienti, familiari, medici e infermieri che da anni lavora per sostenere le attività del reparto di ematologia dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio. In particolare, l’obiettivo è ora quello di reperire fondi per sostenere la realizzazione del Co-Re, Centro Oncoematologico di Reggio, una struttura all’avanguardia per tecnologie e condizioni di degenza dei pazienti. Ed ecco che il Grade, durante i tre giorni, gestirà lo spazio di ristorazione all’interno dell’area dedicata al Consorzio Vacche Rosse, presso l’ex cooperativa Muratori di Cavriago, di fronte al centro culturale Multiplo (via Repubblica). L’intero ricavato sarà devoluto all’associazione.

Quindi appuntamento venerdì 23 alle 20 con la cena-evento durante la quale sarà anche consegnato il premio “Consorzio Vacche rosse” sulla valorizzazione dell’identità produttiva e culturale del territorio locale: il riconoscimento sarà assegnato all’allevatore Renato Borghi per il suo impegno nella difesa della Razza rossa reggiana; all’azienda Ermete Medici & figli per la grande capacità di diffondere nel mondo la tradizione enologica reggiana e il lambrusco; all’acetaia Picci di Cavriago per il mantenimento dell’eccellenza nella produzione dell’aceto balsamico tradizionale di Reggio. Sabato 24 lo spazio aprirà alle 17 e dalle 19,30 si potrà cenare degustando i piatti preparati dal Grade. Giornata conclusiva domenica 25: lo spazio aprirà alle 9. Saranno esposti gli animali degli allevatori del Consorzio e si potrà pranzare e cenare all’interno dell’area ristoro.

Sempre domenica, giornata clou della fiera, si potrà fare un salto in piazza Zanti dove ci sarà la mostra “Tipico & tipico”, quindi si potranno acquistare salumi, Parmigiano Reggiano, formaggi e colombe pasquali confezionate dalla Casa Protetta (in quest’ultimo caso il ricavato sarà destinato all’acquisto di attrezzature per anziani). In via Rivasi 4 la Croce Rossa organizzerà un mercatino del ri-uso; lungo tutto il centro, da via Bendery a via Repubblica si snoderà il serpentone di bancarelle artigianali e non solo; macchine agricole saranno esposte in via Matteotti , il luna park sarà in via Govi; un mercatino benefico del ricamo nella sala parrocchiale di San Terenziano, organizzato dal gruppo di volontariato Vincenziano.

Cristina Fabbri

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.