HomeEmiliaIren non cede: “Inceneritore a pieno regime dal 1 agosto”

Iren non cede: “Inceneritore a pieno regime dal 1 agosto”

Nonostante la diffida della Provincia, Iren non fa passi indietro sul termovalorizzatore di Parma. L’impianto entrerà in pieno esercizio e quindi a regime dal primo di agosto, al termine del periodo di esercizio provvisorio che partirà a breve. Lo ha detto il direttore generale di Iren, Andrea Viero, nel corso della conference call con gli analisti sulla trimestrale.

“Il 27 luglio è la data conclusiva per la consegna dell’impianto nella fase di esercizio provvisorio (con la combustione dei rifiuti, ndr.), mentre il pieno esercizio è fissato al primo di agosto“, ha detto Viero.

L’impianto, contestato dalla giunta grillina del capoluogo, è costato 192,5 milioni di euro. Sulla struttura pende, tuttavia la decisione della Cassazione che si deve esprimere sul ricorso della Procura di Parma la quale aveva chiesto il sequestro dell’impianto, riscontrando una serie di inadempienze. La Provincia inoltre ha diffidato Iren dal portare avanti “l’impianto in oggetto in modo difforme da quanto autorizzato”.  Tra i procedimenti contestati dall’ente d alla multiutility: la temperatura della camera di combustione al di sotto della quota minima di 850 gradi centigradi senza una prescritta comunicazione, la mancata attivazione del sistema automatico finalizzato ad impedire l’alimentazione dei rifiuti sotto gli 850° nella camera di combustione, la percentuale di ossigeno della camera di post-combustione, il dosaggio dei reagenti solidi anche durante l’utilizzo di solo combustibile metano, il mancato dosaggio dell’ammoniaca, il superamento del parametro di acido fluoridrico.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.