Amianto, ecco il nuovo Piano della Regione

La costruzione di archivi di lavoratori attualmente o precedentemente esposti all’amianto. Un ulteriore rafforzamento dell’attività di vigilanza e controllo. La presa in carico “globale” dei pazienti affetti da mesotelioma, per fornire la migliore assistenza sia in ospedale che sul territorio garantendo anche il supporto medico-legale e psicologico. La definizione di procedure uniformi regionali di riferimento per la rimozione e lo smaltimento di piccole quantità di materiale contente amianto in matrice compatta da parte dei privati cittadini. Sono solo alcune delle novità del nuovo Piano Amianto della Regione Emilia-Romagna che vede la disponibilità di risorse regionali per oltre 3 milioni di euro nel 2018.

E’ proprio di questi giorni l’annuncio, dato dal ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti, che le Officine Grandi Riparazioni di Bologna saranno individuate con la legge Finanziaria 2018 come 41esimo sito di interesse nazionale, a cui il ministero destinerà per il prossimo anno un milione di euro. In Emilia-Romagna sarà il secondo Sin: si aggiunge infatti a quello di Fidenza già destinatario, nel corso di questa legislatura regionale, di 4 milioni di euro per la bonifica.

Questo nuovo Piano – ha sottolineato il presidente della Regione Stefano Bonacciniè frutto di un proficuo confronto, che rappresenta uno strumento di continuità con il passato ma, al tempo stesso, vuole sviluppare nuove azioni. Siamo gli unici in Italia ad aver sottoscritto con tutte le parti sociali un Patto per il lavoro che ha l’obiettivo di dimezzare la disoccupazione entro il 2020, ma al tempo stesso di prendersi sempre più cura del territorio, e dunque della sua qualità, sicurezza e manutenzione.

Come per altri temi, anche in questo caso abbiamo lavorato con un approccio integrato – hanno spiegato gli assessori regionali all’Ambiente, Paola Gazzolo, e alle Politiche per la salute, Sergio Venturi. Quello dell’amianto è un tema trasversale, che va dalla mappatura della sua presenza sul territorio, e quindi la bonifica e lo smaltimento, alla gestione delle problematiche estremamente complesse della presa in carico dei pazienti affetti da mesotelioma. Con questo Piano ribadiamo e rafforziamo il nostro impegno concreto per la tutela della salute, dell’ambiente e per la prevenzione della salubrità nei luoghi di lavoro.

Fin dal 1996, la Regione Emilia-Romagna ha adottato un “Piano regionale di Protezione dell’ambiente, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall’amianto” e, negli anni successivi, ha proseguito l’attività di vigilanza, controllo e mappatura. Un ruolo importante è stato svolto dalle numerose iniziative regionali di finanziamento destinate sia al mondo produttivo che alle pubbliche amministrazioni. Negli ultimi 15 anni la Regione (assessorato all’Ambiente) ha destinato quasi 29 (28,8) milioni di euro di contributi a pubblici e privati (aziende) per la bonifica. A cui si aggiungono 3,2 milioni per la rimozione e lo smaltimento di 6.500 tonnellate di macerie contenenti amianto in seguito al terremoto del 2012. Sul totale, 26 milioni – di cui 9 solo in questa legislatura – sono stati stanziati per gli interventi nelle imprese (piccole, medie e grandi); gli altri 2,8 milioni sono serviti per effettuare rimozioni d’amianto in 20 scuole già mappate dalla Sanità col Piano del 1996, oltre ad altre 52 scuole extra mappatura. A ciò si aggiunge l’impegno della Regione per la tutela sanitaria dei lavoratori esposti: il Registro regionale Mesoteliomi è stato istituito ed è attivo dal 1996. Molto prima del Registro nazionale, che risale al 2002. In Emilia-Romagna si sono registrate più di 150 nuove diagnosi di mesotelioma maligno in media l’anno, nel periodo 2011-2013; 133 nel 2014, 148 nel 2015. Infine, 113 i nuovi casi nel 2016 (dato non ancora consolidato).

Scuole di ogni ordine e grado, ospedali e case di cura, impianti sportivi, grande distribuzione commerciale, istituti penitenziari, cinema, teatri, sale convegni, biblioteche, luoghi di culto. Sono 1.198 i siti (pubblici o privati aperti al pubblico accesso) mappati, dove l’amianto (sia friabile che compatto) è stato totalmente rimosso in oltre il 70% dei casi (894); i rimanenti 300 circa sono per la maggior parte parzialmente bonificati e comunque sotto controllo e in sicurezza.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS