HomeAttualitàRedditi, un bolognese su due dichiara meno di 20mila euro

Redditi, un bolognese su due dichiara meno di 20mila euro

Più di un bolognese su due dichiara meno di 20mila euro l’anno e appena il 3,1% degli abitanti detiene da solo quasi un quinto della ricchezza in città.

E’ questa la fotografia della situazione economica dei bolognesi secondo un’analisi del Comune effettuata su 296mila dichiarazioni dei redditi relative al 2012: analisi che mette in evidenza una forbice del benessere in città. Nulla di nuovo, secondo i tecnici di Palazzo d’Accursio: “Quello che osserviamo a Bologna è linea con i dati nazionali di Bankitalia e dell’Istat”, ha spiegato Gianluigi Bovini del dipartimento programmazione. Semplicemente, la crisi economica negli ultimi anni sta progressivamente accentuando alcune tendenze. La prima è la riduzione del numero dei contribuenti: nel 2012 erano 1.600 in meno rispetto all’anno precedente, quasi 7.500 in meno rispetto al 2008. Tuttavia il reddito imponibile dichiarato resta stabile attorno ai 7 miliardi con oltre 1,6 miliardi di euro di imposte nette, che confermano Bologna al vertice tra le città che pagano più tasse in Italia.

Nel 2012 il reddito imponibile medio si è fermato a 23.682 euro, con un’imposta media netta pagata di 5.479. Tuttavia più della metà dei contribuenti resta sotto la soglia dei 20mila euro di reddito: “Nell’ultimo decennio, considerando l’inflazione, c’è una lieve flessione”, ha sottolineato la vice sindaco Silvia Giannini. Le categorie più a deboli sono i giovani e le famiglie con più di un figlio. In particolare, il divario di genere tra maschi e femmine comincia ad accentuarsi solo dopo i 40 anni e dal 2002 al 2012 si è ridotto di oltre il 10%, passando da uno scarto del 39% al 28%.

Sorridono solo gli over 60: questa tipologia di contribuenti, che a Bologna vale il 40,4% del totale, dichiara il 42% dei redditi, il 6% in più rispetto al 2002.

Previsioni confermate per la graduatoria delle zone più ricche (nonostante importanti ricambi di chi vi abita): in testa ci sono i colli, con 23.269 euro di reddito medio, seguiti dal centro storico e dall’area Costa-Saragozza. Fanalini di coda San Donato e Bolognina, le uniche aree sotto i 18.000 euro di reddito medio.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.